mercoledì, 28 Febbraio 2024
 
HomePadovanoAlbignasego: "Gli aumenti di mensa e trasporto sono a carico del Comune"

Albignasego: “Gli aumenti di mensa e trasporto sono a carico del Comune”

Tempo di lettura: 3 minuti circa

Ad Albignasego tutti gli aumenti dei costi della mensa e dei trasporti saranno gestite dal Comune

 Sale a 471 mila euro la spesa che il Comune mette a disposizione delle famiglie per mensa e trasporto per l’anno scolastico in corso 2023/2024.

Il servizio mensa è presente in 6 plessi di scuola primaria e in uno di scuola secondaria di primo grado, con l’erogazione di circa 200 mila pasti annui per un totale di oltre 1300 utenti che utilizzano il servizio.  

L’assessore della pubblica istruzione Marco Mazzucato sostiene: “La sensibilità rivolta all’utilizzo di materie prime e prodotti biologici era presente già nel precedente mandato ma grazie ai CAM questa attenzione è aumentata sia come ricerca della qualità delle materie prime sia come bilanciamento dei macro nutrienti, è volontà dell’amministrazione sensibilizzare famiglie e ragazzi sull’importanza dell’alimentazione per la crescita e la salute degli individui ”.

Questo adeguamento, unito all’inflazione intervenuta negli ultimi due anni, ha comportato un aumento del costo del singolo pasto da 5,00€ a 6,10€ nel settembre 2022 e fino a 6,45€ da settembre 2023. Per contenere al minimo l’aumento della quota a carico delle famiglie, il Comune continua a farsi carico di gran parte della maggiorazione dei costi passando da un impegno di 0,40€ a 1,448 per ogni pasto, mantenendo la tariffa per i giovani cittadini a 5,00€. L’Amministrazione conferma il proprio indirizzo di sostegno alle famiglie numerose, con 3 o più figli minori, che possono usufruire di agevolazioni per il servizio di mensa, se in possesso di ISEE pari o inferiore ad € 30.000,00.

 “Siamo passati – chiarisce il sindaco Filippo Giacinti – da una spesa a carico del Comune di 113 mila euro prima dei Criteri Ambientali Minimi del 2022 a una previsione per l’anno scolastico in corso di 360 mila euro per la presa in carico di gran parte dell’adeguamento a questi nuovi costi e per assorbire tutto l’aumento dovuto all’inflazione. Abbiamo scelto di investire queste risorse aggiuntive per non gravare sulle famiglie già colpite da rincari generalizzati del costo della vita”.  

Per quanto riguarda il trasporto scolastico, nel corso del 2021 si è svolta la gara per l’affidamento del servizio, che è stata aggiudicata alla ditta D.A.P. srl fino a giugno 2024. Nel corso dell’anno 2024 ci sarà dunque lo svolgimento di una nuova procedura di gara per l’aggiudicazione del servizio.

Anche per l’a.s. 2023/2024 è stata confermata l’applicazione della tariffa diversificata sulla base dell’ISEE del nucleo familiare, variabile da un minimo di 64,00 € ad un massimo di 255,00 € annui per il servizio di andata e ritorno. Per il 2024 è previsto un costo per il servizio pari a circa 160 mila euro, considerata anche la stipula del nuovo contratto di appalto con nuove condizioni a partire da settembre 2024, di cui il Comune si farà carico per circa il 75%. Il nuovo contratto d’appalto per il servizio di trasporto scolastico comprenderà anche il servizio di sorveglianza e vigilanza negli scuolabus, senza dover affidare quest’ultimo servizio ad ulteriore ditta esterna.

Per gli aa.ss. 2022/23 e 2023/24, al fine di tutelare la sicurezza negli scuolabus degli alunni delle scuole primarie e secondarie di primo grado statali che usufruiscono del servizio di trasporto scolastico comunale, è stato affidato il servizio di accompagnamento e sorveglianza a personale della Cooperativa sociale Blu, per una spesa complessiva annua di circa € 51.000,00.

 
 
 

Le più lette