sabato, 24 Febbraio 2024
 
HomeVenezianoChioggiaBotta e risposta a Chioggia, Orlando sulle critiche del PD: "Osservazioni sul...

Botta e risposta a Chioggia, Orlando sulle critiche del PD: “Osservazioni sul bilancio totalmente infondate”

Tempo di lettura: 2 minuti circa

L’assessore al Bilancio, Paola Orlando, replica alle critiche del Pd

“Le osservazioni circa il mancato rispetto del processo di bilancio risultano totalmente infondate, –è la replica dell’assessore al Bilancio Paola Orlando, alla vigilia del Consiglio comunale di Chioggia, alle critiche dei consiglieri del Pd – in quanto è risaputo che il bilancio tecnico, previsto dal nuovo DM del 25 luglio 2023, deve considerarsi quale atto interno, che non necessita di specifica approvazione.

L’iter seguito, conforme alle nuove indicazioni normative, è stato ben sottolineato in Commissione nella relazione che ho presentato in occasione della seduta del 5 dicembre scorso”.

“Lo schema di bilancio approvato dalla Giunta, e proposto al Consiglio Comunale, risulta essere totalmente conforme ai principi contabili di cui al Dlgs 118/2011 e a quanto previsto dal Dlgs 267/2000 – TUEL. Tutte le previsioni sono state elaborate nel rispetto dei principi di veridicità, attendibilità e prudenza assumendo a riferimento l’andamento storico della spesa e dell’entrata negli ultimi anni”.

Relativamente ai costi di gestione del servizio calore e dell’illuminazione pubblica, si evidenzia che gli stanziamenti previsti sono frutto di stime che considerano anche gli effetti degli interventi di efficientamento energetico realizzati nello scorso esercizio e di un inversione del trend di crescita dei costi delle materie prime energetiche.

Per quanto riguarda la determinazione delle tariffe Tari, si conferma l’applicazione della metodologia Arera dal 2018.

“Il PEF, validato dall’ETC, – prosegue Orlando – ovvero il Consiglio di Bacino Venezia Ambiente con Deliberazione di Assemblea numero 7 del 14 aprile 2022  cresce del 4,84% nel 2023, del 2,44%  nel 2024 e dell’1,69%  nel 2025, in ragione di una crescita dei costi legata pressoché all’inflazione programmata del 2022 (1,7%) e all’appostamento dal 2023 delle prime rate per la copertura dei costi della discarica ai fini della sua chiusura e gestione post mortem, rispetto i quali risulta in fase di valutazione un allungamento del periodo stesso di gestione del post mortem”.

“E’ in corso di valutazione anche un contenimento dell’accantonamento al fondo svalutazione crediti nel medio termine, – conclude l’assessore – a fronte di una decisa lotta all’evasione ed al recupero degli insoluti in collaborazione con Veritas Spa”.

 
 
 

Le più lette