venerdì, 23 Febbraio 2024
 
HomeVenetoAttualitàElezioni amministrative: in Veneto 46 Comuni possono puntare al terzo mandato grazie...

Elezioni amministrative: in Veneto 46 Comuni possono puntare al terzo mandato grazie al decreto approvato dal Consiglio dei Ministri

Tempo di lettura: 2 minuti circa

310 i Comuni al voto in Veneto, arriva il decreto legge che concede il terzo mandato ai sindaci dei comuni sotto i 15mila abitanti

L’Election day si avvicina per i Comuni del Veneto, che il prossimo 8 e 9 giugno voteranno per il rinnovo delle cariche amministrative, e saranno ben 310 quelli interessati. Di questi, 46 però potranno puntare non al bis, ma bensì a un tris: è infatti di questi giorni la notizia giunta dal Consiglio dei Ministri, che ha approvato su proposta della Presidente Giorgia Meloni e del Ministro dell’interno Matteo Piantedosi, un decreto-legge che cambia le carte in tavola: innalza infatti da due a tre mandati il limite di permanenza del sindaco dei Comuni che hanno tra i 5.000 e i 15.000 abitanti e si elimina ogni limite di mandato per quelli sotto i 5.000 abitanti. Rimane ferma invece la disciplina per i Comuni con popolazione superiore a 15.000 abitanti, consentendo un terzo mandato se uno dei due mandati precedenti ha avuto durata inferiore a due anni, sei mesi e un giorno. I mandati svolti o in corso di svolgimento alla data di entrata in vigore del decreto sono computati.

Per l’anno 2024, per l’elezione del sindaco e del consiglio comunale nei comuni fino a 15.000 abitanti, ove sia stata ammessa e votata una sola lista, sono eletti tutti i candidati compresi nella lista e il sindaco ad essa collegato, purché abbia riportato un numero di voti validi non inferiore al 50% dei votanti e il numero dei votanti non sia stato inferiore al 40% degli elettori (in luogo del 50% previsto a regime dall’art. 71, comma 10, del Testo unico degli enti locali).

Ma le disposizioni per le amministrative 2024 non si fermano qui. Per favorire la più ampia partecipazione al voto, il testo del dl prevede, tra l’altro, che per tutto il 2024 le votazioni relative a elezioni e referendum si svolgano in due giornate anziché in una sola. Inoltre, su decisione del Consiglio europeo, le elezioni per il Parlamento europeo si svolgeranno, in tutta l’Unione Europea, tra giovedì 6 e domenica 9 giugno 2024: il decreto allora prevede che, in Italia, tale consultazione si svolga il sabato dalle 14 alle 22 e la domenica dalle 7 alle 23.

 

 
 
 

Le più lette