lunedì, 4 Marzo 2024
 
HomeTrevigianoFermata del bus devastata a Treviso, identificati i baby vandali

Fermata del bus devastata a Treviso, identificati i baby vandali

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Sono sei minorenni, uno under 14, i vandali che hanno distrutto una fermata del bus a Treviso

Avevano devastato la pensilina dell’autobus in viale Europa, nel quartiere trevigiano di San Liberale. Sei minorenni, tra i 15 e i 17 anni, uno appena 14enne, sono stati identificati e denunciati dalla Polizia.

Tra novembre e dicembre scorsi i baby vandali, trevigiani o stranieri di seconda generazione, si erano accaniti contro le strutture alla fermata del bus, danneggiando le vetrate e spaccando i sostegni, arredi urbani, tra l’altro, da poco ricollocati nuovi dopo i lavori di rifacimento della pista ciclabile. In una circostanza, un passante li aveva redarguiti, cercando di farli smettere, ma per tutta risposta, il gruppetto lo aveva accerchiato e minacciato.

Il Comune aveva presentato querela. Grazie anche alle immagini delle telecamere di videosorveglianza, gli investigatori della Squadra mobile della Questura di Treviso sono risaliti ai responsabili. Ora per loro, almeno per quelli imputabili per età, è scattato il deferimento alla Procura per i minori per danneggiamento. I giovanissimi farebbero parte di una gang più ampia, già segnalatasi per aver creato fastidi nel quartiere e in quelli limitrofi.

Il sindaco Conte: “Ora i genitori dovranno farsi carico dei danni”

“Ringrazio gli agenti della Questura per essere riusciti, con il supporto della Polizia Locale e delle telecamere di videosorveglianza ad individuare i responsabili degli atti di vandalismo a San Liberale – commenta il sindaco Mario Conte -. Sono episodi brutti che minano la percezione di sicurezza. Quella di oggi, però, è una risposta concreta da parte delle istituzioni che garantiscono la propria presenza sul territorio per assicurare alla giustizia chi pone in essere questo tipo di condotte”. Il primo cittadino aggiunge: “Ora i responsabili hanno un nome e un cognome e hanno dei genitori che dovranno farsi carico dei danni causati alla comunità”.

 
 
 

Le più lette