domenica, 19 Maggio 2024
HomeVenetoAttualitàGianpaolo Bottacin: "nel 2023 migliorata qualità dell'aria in Veneto, anche grazie ai...

Gianpaolo Bottacin: “nel 2023 migliorata qualità dell’aria in Veneto, anche grazie ai grandi investimenti della regione”

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Secondo i dati rilevati dall’Arpav relativi all’anno 2023, c’è stato un grande margine di miglioramento dell’aria nella regione Veneto

Per il quarto anno consecutivo viene ad esempio rispettato in tutte le stazioni di misura
il valore limite annuale del biossido di azoto, con concentrazioni medie
tendenzialmente inferiori o, al più, in linea con quelle dell’ultimo triennio. Anche i
limiti annuali del particolato, sia PM10 che PM2.5, fissati rispettivamente a 40 e 25
microgrammi per metro cubo, risultano rispettati in tutte le centraline della rete aria.

L’Assessore all’Ambiente, Gianpaolo Bottacin, commenta positivamente la notizia: “I dati rilevati evidenziano un miglioramento ed è quanto sostengo da tempo visti anche gli enormi investimenti fatti dalla Regione per migliorare la qualità dell’aria. Resta il fatto che per la sua conformazione e per la forte antropizzazione, il bacino padano ha una forte criticità relativamente allo smog. Risulta quindi evidente che dovremo continuare a investire sul tema. Ma rassicura il fatto che le azioni messe in campo grazie al piano di tutela e risanamento dell’aria abbiano già dato buoni riscontri. Significa che la strada tracciata è quella giusta e che non dobbiamo abbassare la guardia”.

Secondo il rapporto Arpav, rimane ancora diffuso invece il superamento del valore
limite giornaliero per il PM10, fissato a 50 microgrammi per metro cubo, da non
sforare per più di 35 giorni l’anno: nel 2023 è stato rispettato in 11 centraline su 38, un
dato comunque in miglioramento rispetto alle 8 stazioni sotto il limite del 2022. Viene
inoltre evidenziato che nell’ultimo anno il numero medio di superamenti registrati è
stato generalmente inferiore a quelli conteggiati nel 2022, e in linea con il 2021, uno
degli anni con i livelli di PM10 più bassi. Infine, per quanto concerne l’ozono,
nonostante un’estate con lunghi periodi di caldo intenso, il numero di superamenti
della soglia è stato complessivamente inferiore al 2022, con un massimo nel mese di
giugno.
L’intero Rapporto sarà pubblicato quanto prima a cura di Arpav.

Le più lette