sabato, 2 Marzo 2024
 
HomeVenetoAttualitàLavoro stagionale, Federalberghi: "Iniziative per attrarre i giovani"

Lavoro stagionale, Federalberghi: “Iniziative per attrarre i giovani”

Tempo di lettura: 3 minuti circa

Le proposte di Massimiliano Schiavon (Federalberghi) formulate nel convegno sul turismo alla Fiera dell’Alto Adriatico

“Il laboratorio delle idee. Innovazione, ricerca e sviluppo applicate al turismo”. E’ il tema del convegno organizzato da Federalberghi VenetoUnionmare Veneto, nell’ambito della Fiera dell’Alto Adriatico a Caorle.

E’ stata l’occasione per lanciare alcune importanti proposte sul tema, di stretta attualità, dell’occupazione stagionale. “Forse avremmo dovuto cambiare già prima il nostro modo di impostare il lavoro, dopo i primi segnali”, ha spiegato Massimiliano Schiavon, presidente di Federalberghi Veneto,“È vero che ci sono delle situazioni di cui dobbiamo prendere atto, come il significativo calo demografico. Però è altrettanto vero che dobbiamo cercare di realizzare un’ operazione per riuscire ad attrarre ancora i giovani verso il nostro settore. Un occhio dovrà essere rivolto alle politiche di welfare aziendale. Dall’altra dovremo cercare di attrarre capitale umano da altri Paesi. Persone che dovranno, poi, essere formate attraverso, ad esempio, delle academy, con le associazioni di categoria che dovranno fare la loro parte”.

Massimiliano Schiavon, Federalberghi Veneto

Schiavon ha, quindi, analizzato l’andamento turistico regionale. “Il 2023 ha dato, in alcuni casi, anche numeri da record. Ora affrontiamo il 2024 con un po’ di apprensione, legata all’inflazione in mercati significativi, come quello tedesco. I numeri in questo momento evidenziano una stagione invernale positiva nelle nostre località montane e prenotazioni positive per le nostre coste, che non sembrano dare segnali di grande preoccupazione”, ha aggiunto.

Per quanto riguarda gli investimenti, Schiavon sottolinea l’importanza di alzare l’asticella in tema di sostenibilità, su cui c’è particolare sensibilità da parte dei turisti. Aspetto, questo, evidenziato anche dall’europarlamentare Rosanna Conte:  “Il nostro comparto turistico si sta adeguando sull’orientamento della sostenibilità ambientale; sono orgogliosa della strada intrapresa dal Veneto”.

Berton (Unionmare): “Lavoro comune sul fronte delle concessioni demaniali”

Alberto Granzotto, Faita-Federcamping

A proposito di numeri, il presidente di Faita-Federcamping, Alberto Granzotto, ha confermato l’aumento delle presenze, già registrato nel 2022 e confermato nel 2023, come risultato degli investimenti nelle strutture e nelle profonde innovazioni per i servizi. “Inoltre – ha aggiunto – il settore sta crescendo soprattutto per la qualità del turismo, a testimonianza dell’evoluzione dell’offerta turistica, peraltro non solo in questa parte di territorio; con piacere, infatti, lo stiamo vedendo anche nelle altre regioni italiane, che stanno alzando la qualità dell’offerta media. C’è una tendenza a migliorare complessivamente i servizi”.

Il presidente di Unionmare Veneto, Alessandro Berton, si è soffermato sulle concessioni demaniali: “È un momento delicato quello che stiamo vivendo e ringrazio la Fiera dell’Alto Adriatico che ci ha dato l’ennesimo momento di riflessione, per lavorare tutti assieme su questo fronte. Sono convinto che, da questa situazione, nascerà una opportunità di ulteriore crescita, come i nostri imprenditori hanno sempre dimostrato di sapere fare. Confidiamo che, al termine di questo momento così travagliato, il nostro comparto ne uscirà ancora più forte”.

 
 
 

Le più lette