domenica, 3 Marzo 2024
 
HomeBreaking NewsPieve di Soligo, aggredito l'autista di una corriera

Pieve di Soligo, aggredito l’autista di una corriera

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Un ragazzo è salito sul mezzo di Mom a Pieve di Soligo e ha aggredito il conducente, per poi fuggire

Immagine di repertorio di un bus Mom

Nuova aggressione ai danni di un addetto in servizio su uno dei bus di Mom, la società che gestisce il trasporto pubblico locale nella Marca. Questa mattina verso le 8, una persona è salita a bordo della corriera della linea 132 Conegliano-Valdobbiadene, in sosta nella piazzola di fermata, in piazza Vittorio Emanuele II, a Pieve di Soligo. Con la faccia nascosta da mascherina e cappuccio, si è scagliato contro l’autista con pugni e calci e dandosi, per poi darsi alla fuga. L’aggressore è stato comunque poi individuato: è un 17enne di origini algerine, residente nello stesso comune di Pieve di Soligo. Sentito dai Carabinieri, sarà denunciato alla Procura dei minori di Venezia: avrebbe ammesso di aver voluto vendicarsi di un altro autista, con cui aveva avuto un litigio nei giorni scorsi, ma di aver sbagliato persona.

 «In merito all’’pisodio occorso questa mattina desidero ringraziare a nome dell’intera azienda la Polizia Locale, così come tutte le forze dell’ordine il cui supporto rimane fondamentale – commenta Giacomo Colladon, presidente di Mobilità di Marca – Ringrazio per l’interesse e la vicinanza anche il Sindaco di Pieve di Soligo, Stefano Soldan, che ho avuto modo di sentire subito dopo l’accaduto.

Il dirigente continua: “Ancora una volta desidero sottolineare che la sicurezza a bordo, dei passeggeri e dei nostri conducenti, resta centrale per l’azienda; per questo la linea 132 già da tempo è attenzionata e abbiamo aumentato i controlli anche con controllori e vigilantes. Continueremo a lavorare in questa direzione per salvaguardare sia i nostri lavoratori sia l’utenza che sceglie il trasporto pubblico locale”.

Per quanto riguarda l’autista aggredito, è stato sottoposto agli accertamenti medici del caso, in attesa della prognosi.

 

 
 
 

Le più lette