venerdì, 1 Marzo 2024
 
HomeRodiginoProvincialePolo Natatorio di Rovigo, ultimo giorno di apertura. Gaffeo: “Alcuni lavori già...

Polo Natatorio di Rovigo, ultimo giorno di apertura. Gaffeo: “Alcuni lavori già partiti”

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Il sindaco dimissionario Edoardo Gaffeo torna sul tema piscine di Rovigo: “Se una cosa va fatta, la si deve fare e non guardare al tornaconto elettorale”

“Ritorno sul tema del Polo natatorio- ha scritto alla vigilia della chiusura il sindaco dimissionario Edoardo Gaffeo- L’impianto ha necessità urgente di lavori di ristrutturazione e ripristino, non rinviabili. Nei mesi scorsi avevamo già recuperato 400mila euro di fondi PNRR. Per completare l’opera sulle vasche interne e sulle piscine ludiche esterne, scivoli compresi, ne servono altri 800mila.

Parte dei lavori sono già partiti, altri siamo in grado di cantierarli nel giro di qualche giorno. Per rimettere l’impianto in funzionalità abbiamo predisposto un cronoprogramma stringente”.

Ultimo giorno di apertura del Polo Natatorio

Oggi 31 gennaio come disposto dal Comune di Rovigo- proprietario dell’unica piscina pubblica presente nel capoluogo- è l’ultimo giorno di operatività dell’impianto di viale Porta Po. Poi dall’uno febbraio il Polo natatorio di Rovigo sarà chiuso sino a data da destinarsi. Il Comune stima una riapertura per il mese di aprile. Ma i tempi non sarebbero certi.

Nel frattempo- spiega ancora Gaffeo- siamo nelle condizioni di far uscire un regolare bando per individuare con gara ad evidenza pubblica il nuovo gestore, in modo da usare nel modo più fruttifero possibile i tempi di necessaria chiusura dell’impianto, e limitare al massimo i disagi. Di cui siamo perfettamente consapevoli”.

L’annuncio della chiusura della piscina di Rovigo, gestita da Rhodigium Nuoto, è avvenuta lo scorso 12 gennaio da parte dell’assessore allo Sport Mattia Milan oltre ai disagi per le centinaia e centinaia di utenti che fruiscono dei servizi di fitness  in acqua e nuoto. Contestualmente deve chiudere i battenti anche la palestra Roger Gym collocata al piano superiore della piscina Baldetti.

“Una cosa quando è da fare, è da fare”

Forse qualcuno avrebbe aspettato che passasse il periodo delle elezioni; rinviato interventi che invece sono necessari; usato il budget che abbiamo recuperato per altre finalità più “comode” per affrontare una campagna elettorale. Io penso che quando una cosa va fatta, la si deve fare senza guardare al mero tornaconto elettorale. Sarebbe non serio” dichiara ancora sulle sue pagine social il sindaco dimissionario Gaffeo. Dopo le dimissioni irrevocabili presentate come conseguenza della rottura insanabile con il Partito Democratico, Gaffeo e la sua Giunta ha a disposizione ancora due settimane circa. Poi a metà febbraio è atteso l’arrivo del commissario prefettizio.

E infatti proprio Gaffeo entra nel merito dell’operato della sua squadra di Giunta  in questi ultimi giorni prima di lasciare Palazzo Nodari: “Servono dei passaggi formali, di competenza del Consiglio Comunale. – conclude Gaffeo- Se non ci saranno le condizioni affinchè questo avvenga, la Giunta predisporrà tutti gli atti di propria competenza e li metterà a disposizione del Commissario.

Ringrazio l’assessore Mattia Milan, e tutti gli altri colleghi di Giunta, per averci messo la faccia fino in fondo insieme a me”. Nel post facebook pubblicato, Gaffeo ha inserito anche una serie di foto delle condizioni in cui versano gli ambienti delle due piscine, la “Baldetti” e la “Tosi”.

 
 
 

Le più lette