sabato, 20 Aprile 2024
HomeVenezianoMiranese NordSalzano, le proteste del gruppo di opposizione Progetto Comune: “Giri in elicottero?...

Salzano, le proteste del gruppo di opposizione Progetto Comune: “Giri in elicottero? Altamente inquinanti”

Tempo di lettura: 2 minuti circa

“L’amministrazione di Martellago ha investito per aumentare la superficie stradale dedicata alle nuove piste ciclabili “soft”. L’amministrazione di Salzano ha scelto invece di dare l’opportunità alle persone di sorvolare in elicottero il centro storico”

“Mobilità per pochi e mobilità per molti. Mobilità ad alto impatto ambientale e mobilità green. Anche per divertimento si può essere diseducativi e nuocere anche per poco all’ambiente. I giri in elicottero sopra Salzano in occasione della Festa della Zucca sono un esempio da non seguire”. A sollevare il problema è Eleonora Lanza, consigliera di Progetto Comune, gruppo di minoranza in Consiglio comunale a Salzano.

“L’amministrazione comunale di Martellago -dice la Lanza – ha investito per aumentare la superficie stradale dedicata alle nuove piste ciclabili “soft”, in via Castellana e in altre vie del territorio che serviranno il polo scolastico e il distretto sanitario. L’amministrazione di Salzano ha scelto invece di dare l’opportunità alle persone di sorvolare in elicottero il centro storico durante i fine settimana di ottobre. Da una parte una scelta con uno sguardo lungimirante, in termini di sicurezza per i cittadini e di sostenibilità ambientale; dall’altra una scelta con uno sguardo a breve termine, dando una possibilità a poche singole persone e non alla collettività, e sicuramente non tenendo conto della ricaduta a livello ambientale”. E le opposizioni vanno nel dettaglio.

“Un giro in elicottero della durata di soli 10 minuti – sottolineano – ha un impatto elevato per l’inquinamento ambientale e acustico, e per l’aria che muove quando si alza in volo e quando atterra. Infatti, il consumo medio orario di un elicottero modello R22 come quello utilizzato a Salzano è di circa 35 litri di benzina per un’ora. Un impatto che non si può certo trascurare, creando così scompensi per l’ambiente circostante all’area Brolo dalla quale partiva il volo, nonché disagio ai cittadini per l’inquinamento acustico provocato. Alcuni studi pubblicati nel 2020 dimostrano come il segmento dell’aviazione sia responsabile del 3% delle emissioni totali di gas serra dell’Unione Europea”.

“La scelta dell’amministrazione Betteto – conclude la consigliera Lanza – denota scarsa attenzione sulla ricaduta ambientale che questi eventi possono causare nel territorio comunale, una mancanza grave, visti gli studi e tutti gli evidenti fenomeni relativi al cambiamento climatico e viste le ordinanze vigenti in tutti i Comuni da ottobre ad aprile dove si invitano i cittadini e le imprese a ridurre le emissioni inquinanti in atmosfera, per contenere i livelli di Pm10 molto alti nel territorio dell’intera pianura padana”.

Alessandro Abbadir