venerdì, 19 Aprile 2024
HomeVenezianoRiviera del BrentaAl via lo spostamento del deposito Actv dal centro di Dolo

Al via lo spostamento del deposito Actv dal centro di Dolo

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Approvato dalla giunta comunale di Dolo lo schema di accordo

La giunta comunale di Dolo ha approvato a fine gennaio, lo schema di accordo per lo spostamento del deposito Actv da via Matteotti alla bretella che congiunge la regionale 11 al Casello Autostradale in un’area assolutamente infrastrutturata e distante dalle abitazioni. Questo passo rappresenta, di fatto per il Comune, la “certificazione” del buon esito del lavoro condotto in questi anni dal sindaco di Dolo, Gianluigi Naletto e dal vicesindaco, Matteo Bellomo che è anche il presentatore della delibera. Il passaggio successivo prevede la convocazione di un incontro congiunto con Actv e Città Metropolitana per firmare il protocollo. L’area nella quale sarà trasferito il deposito, già individuata e adeguata dal punto di vista urbanistico, è di proprietà privata e sarà acquistato dal Comune di Dolo che, poi, la metterà a disposizione di Actv che si occuperà direttamente della costruzione della nuova stazione dei pullman.

“Spostare il deposito degli autobus dal centro abitato – commentano il sindaco di Dolo, Gianluigi Naletto e il vicesindaco, Matteo Bellomo – era un impegno assunto da questa amministrazione per riqualificare l’intera porta Est del nostro Comune, per alzare il livello di qualità della vita di tutti i cittadini che risiedono in quel quartiere. Dopo decenni di promesse la nostra amministrazione, come per altre partite fondamentali per tutta la cittadinanza, è riuscita a sbloccare una situazione che, nel corso degli anni, ha creato non pochi problemi. Ci abbiamo sempre creduto sapendo che l’iter sarebbe stato lungo e che i passaggi molto complessi, ma la nostra determinazione, la professionalità dei nostri uffici e la grande disponibilità di Actv e Città Metropolitana hanno reso possibile compiere questo ulteriore passo nella riqualificazione complessiva della nostra Città”.

“Ovviamente l’iter prevede – continuano – l’indizione di una conferenza dei servizi con tutti gli enti coinvolti per acquisire tutti i pareri necessari e per l’approvazione del progetto che sarà redatto dai professionisti incaricati da Actv. La prima fase, che sarà la più rapida, garantirà lo spostamento del parco mezzi, quindi nel vecchio deposito non ci saranno più gli autobus, mentre il secondo vedrà la costruzione, nel nuovo sito, dell’officina, della stazione di lavaggio e del distributore di carburante. Per l’area dell’attuale deposito, di proprietà di Actv, l’accordo non prevede incrementi di capacità edificatoria, quindi la vecchia ipotesi di condomini alti diversi piani, prospettata nel corso degli anni passati, è definitivamente tramontata”.