sabato, 24 Febbraio 2024
 
HomeVicentinoVicenzaAlla pediatria del San Bortolo di Vicenza possono entare anche i cani...

Alla pediatria del San Bortolo di Vicenza possono entare anche i cani a far visita ai piccoli malati

Tempo di lettura: < 1 minuti circa

Il primario: “Importante non interrompere il rapporto con il cane, può dare effetti positivi anche nella cura”

Nella pediatria del San Bortolo – dice una nota dell’Ulss 8 – è partito il progetto sperimentale di Pet Visiting, che prevede la possibilità per i piccoli pazienti ricoverati di ricevere la visita del proprio cane.

«Gli animali domestici – spiega Massimo Bellettato, direttore del reparto – possono offrire un notevole supporto emotivo ai loro proprietari, in particolare nel caso dei pazienti
pediatrici, ed è essenziale che questo legame non venga interrotto durante il periodo di degenza, poiché comporta numerosi benefici anche sul piano clinico”.

L’attività viene organizzata su richiesta dei genitori, concordando il giorno e l’orario della visita. In base alle condizioni cliniche del paziente, la visita del cane può essere organizzata nel cortile esterno dell’ospedale (se il paziente può recarsi all’esterno e le condizioni metereologiche sono favorevoli), oppure in una stanza all’interno del reparto o ancora nella stanza di degenza nel caso in cui il paziente non possa allontanarsi dal letto (previa autorizzazione di eventuali altri degenti, o dei loro familiari, nella stessa stanza).

L’incontro è guidato da un esperto in Interventi assistiti con gli animali che assiste il familiare, il paziente e l’animale durante la visita.

 
 
 

Le più lette