venerdì, 19 Aprile 2024
HomeBreaking NewsBaby gang a Verona: puntano una pistola in faccia ad un coetaneo...

Baby gang a Verona: puntano una pistola in faccia ad un coetaneo per derubarlo

Tempo di lettura: < 1 minuti circa

Tre giovani hanno puntato la pistola in faccia ad un coetaneo minorenne con l’obiettivo di derubarlo: riconosciuti, sono stati fermati dalla polizia. 

Sono giovanissimi i responsabili della rapina ai danni di un coetaneo, verificatasi intorno alle 22:00 di martedì sera (20 febbraio), nel quartiere di Borgo Trento, in via Nervesa.

Un minorenne, diretto verso casa, è stato fermato da tre giovani con il volto coperto da passamontagna e armati di una pistola. Dopo avergli puntato l’arma in faccia, gli hanno quindi intimato di consegnare i soldi che aveva con sé. Senza altra scelta, il giovane ha ceduto il suo portafoglio e ha assistito impotente mentre il trio si dileguava velocemente.

La Polizia di Stato, allertata dalla chiamata al numero di emergenza 113, ha inviato alcune pattuglie nella zona. I poliziotti hanno raccolto la descrizione dei componenti della baby gang e si sono messi sulle loro tracce. Pochi minuti dopo, hanno individuato i tre giovani alla fermata dell’autobus in via Mameli, non lontano dal distributore. Sembrava che stessero aspettando il mezzo pubblico per sfuggire all’arresto.

Durante la perquisizione, gli agenti hanno trovato parte del bottino addosso a uno dei tre, ma dell’arma utilizzata non c’era traccia. Si è scoperto che la pistola era in realtà un giocattolo, privo del tappo rosso che lo avrebbe reso riconoscibile come tale.

I tre ragazzi, tutti minorenni di 17 e 16 anni, sono stati arrestati. Ora spetta al Tribunale dei Minori di Venezia valutare le loro posizioni e deciderne le conseguenze legali.