sabato, 24 Febbraio 2024
 
HomeVenezianoChioggia"Costa Veneta, prenotazioni in crescita per la stagione turistica 2024"

“Costa Veneta, prenotazioni in crescita per la stagione turistica 2024”

Tempo di lettura: 3 minuti circa

In occasione della Fiera dell’Alto Adriatico, il portale di prenotazioni Booking.com Italia ha tracciato un andamento del turismo sul litorale

Ombrelloni sul litorale della Costa veneta

La stagione turistica 2023 ha dato ottime indicazioni. Ma il 2024 sta già dimostrando che potrebbe essere anche migliore. È quanto emerge dalle rilevazioni di Booking.com Italia che, nell’ambito della Fiera dell’Alto Adriatico, ha fatto un’analisi dell’andamento del turismo sul litorale.

Dopo l’esplosione del 2022, dettata dalla voglia di vacanza e di libertà nel post pandemia, il 2023 ha confermato ottimi numeri. Per quanto riguarda le località che hanno mostrato una maggiore crescita, la top tre vede al primo posto Sottomarina, al secondo Jesolo e al terzo Bibione. La tariffa media è aumentata in tutte le località, senza alcuna ricaduta. “Aumenti che sono andati incontro alla domanda – spiega Samuele Marchetti, Market Team Manager di Booking.com Italianel senso che sono stati recepiti bene dal cliente”. Le tre località che hanno evidenziato un maggiore (seppure sensibile) aumento medio delle tariffe sono: Bibione, Cavallino-Treporti e Lignano Sabbiadoro.

Anche i dati di Booking.com stanno confermando come si stia andando verso una destagionalizzazione. “Questo – continua Marchetti – grazie ad una meteo favorevole e a temperature miti anche a settembre o addirittura ottobre. Ma anche a grandi eventi organizzati in quel periodo, vedi Jesolo che sta investendo sullo sport tra settembre ed ottobre. Tra l’altro ottobre, nella costa, è stato particolarmente interessante per quanto riguarda i volumi e questo ci ha sorpreso”.

Stagione turistica 2024, ecco le previsioni e le richieste dei clienti

 

Samuele Marchetti

Per quanto riguarda il 2024, ad oggi le prenotazioni (guardando sempre a tutta la costa veneta) stanno sensibilmente superando, durante tutto l’anno, quelle del 2023. La provenienza: Austria e Germania nei primi due posti, quasi alla pari, mentre al terzo posto c’è l’Ungheria, che supera l’Italia; un mercato, come evidenziato da Booking.com, che si sta dimostrando alto-spendente. “Un dato che può sorprendere – commenta il presidente di VeniceSands, Luigi Pasqualinottoma che noi possiamo considerare come la conseguenza del lavoro che da tempo stiamo portando avanti con una promozione mirata nei nuovi segmenti di mercato, come quelli dell’Est Europa per l’appunto. La strada intrapresa, dunque, è quella giusta, assieme al consolidamento dei mercati tradizionali, come, appunto, quelli di lingua tedesca”.

Ma cosa cercano i turisti quando prenotano le vacanze? L’esperienza culinaria è uno degli aspetti più richiesti; per cui sempre di più i viaggi vengono impostati sulla base di ciò che si può trovare nell’ambito eno-gastronomico. Poi c’è la sostenibilità ambientale: basti pensare che, ad esempio, il 53% dei turisti cerca strutture alimentate con fotovoltaico.

Esperienze: il 71% cerca un “pacchetto” che comprenda, oltre alla bontà della struttura ricettiva, i servizi extra e le esperienze che possono essere vissute.

La flessibilità: questo è un aspetto che tocca soprattutto i più giovani, che amano meno la pianificazione e tendono a cercare esperienze più avventurose o comunque flessibili. Il trend è avere una visione più libera della vacanza.

La ricerca del lusso: sempre più turisti sono attratti da questo, anche se non sempre hanno disponibilità economiche per soddisfarlo; di conseguenza, pur di non rinunciare al lusso, organizzano soggiorni più brevi o nei periodi di cosiddetta bassa stagione.

 
 
 

Le più lette