martedì, 23 Aprile 2024
HomeVeronaSi è dimesso il Presidente del Parco Naturale Regionale della Lessinia

Si è dimesso il Presidente del Parco Naturale Regionale della Lessinia

Tempo di lettura: < 1 minuti circa

Il Presidente del Parco Naturale Regionale della Lessinia ha annunciato le sue dimissioni. In una nota ufficiale ha formalizzato la sua decisione alla Presidenza della Regione Veneto.

Giuliano Menegazzi, perito agrario nato nel 1975, era stato nominato alla guida del Parco dal Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, nel luglio di tre anni fa, nel 2021. Il Consiglio Direttivo del Parco include anche Marco Antonio Cappelletti, Silvia Marcazzan, Massimo Sauro (vicepresidente) e Daniele Zivelonghi.

“Non esistono più i presupposti necessari a portare avanti il lavoro e a procedere con quanto fino ad oggi svolto – il commento di Menegazzi. – Il Parco Naturale Regionale della Lessinia è un Ente in fase di costruzione e negli ultimi mesi i primi, cruciali, passi per impostare questa realtà complessa sono stati compiuti. Molti i punti fondanti stabiliti che ora mi auguro possano andare presto a conclusione per il bene del nostro territorio”.

Menegazzi ha poi elencato i fronti che hanno visto impegnati gli organi decisionali del Parco nei mesi passati. Tra questi, il regolamento dell’Ente Parco, la predisposizione del disciplinare del Marchio del Parco, da poco entrato in possesso dell’Ente che ne subentra nell’uso alla Comunità Montana della Lessinia, ora in liquidazione. Inoltre, il passaggio del patrimonio immobiliare dalla Comunità all’Ente Parco, ora in larga parte pronto a essere formalmente ceduto. E ancora, le linee guida per i prelievi selettivi dei cinghiali nell’area del Parco, così come da delibera regionale e già esaminate dal Comitato Tecnico Scientifico e dalla Consulta del Parco.

“È doveroso da parte mia esprimere il più sentito ringraziamento verso tutti coloro che hanno lavorato e collaborato in tutti questi anni. È grazie al lavoro di squadra che abbiamo potuto raggiungere questi importanti e fondanti risultati”, ha concluso l’ex presidente.