martedì, 23 Aprile 2024
HomeRubricheCriptovaluteMeno di 60 giorni all’halving di Bitcoin? Il countdown indica il 20...

Meno di 60 giorni all’halving di Bitcoin? Il countdown indica il 20 aprile 2024

Tempo di lettura: 4 minuti circa

Uno tra gli eventi cruciali nel mondo delle criptovalute potrebbe verificarsi il 20 aprile. Scopriamo come si è arrivati a questa data ma anche quale altro token potrebbe beneficiare dell’halving di Bitcoin.

Il mondo delle criptovalute è in fermento, con l’attenzione concentrata sul cruciale evento di halving di Bitcoin, che si presume possa verificarsi il 20 aprile. Ma cosa significa esattamente l’halving di Bitcoin e perché è così importante per la comunità crypto? E come si è arrivati a fissare una data certa? Scopriamolo insieme

Cos’è l’halving di Bitcoin?

L’halving è un evento programmato che si verifica ogni 210.000 blocchi estratti nella blockchain di Bitcoin. Si tratta di un passaggio fondamentale, perché comporta una riduzione della ricompensa che i miner ricevono per confermare e validare le transazioni sulla rete. Nello specifico, questa ricompensa viene dimezzata.

L’halving di Bitcoin è una caratteristica fondamentale del suo protocollo di consenso Proof of Work (PoW). La riduzione delle ricompense ha un impatto significativo sull’offerta di nuovi Bitcoin messi in circolazione. Questo meccanismo è stato implementato per garantire una distribuzione graduale della valuta digitale nel tempo.

Attualmente, i miner ricevono 6,25 BTC come ricompensa per ogni blocco che confermano sulla blockchain. Con l’halving, questa ricompensa verrà portata a 3,125 BTC. Questo non solo influisce sul reddito dei miner ma ha anche implicazioni sull’offerta totale di Bitcoin. Il limite massimo di BTC che potranno mai esistere è fissato a 21 milioni e l’halving è un meccanismo chiave per rallentare la produzione di nuovi Bitcoin.

Quando dobbiamo aspettarci l’Halving?

In questo momento mancano 12.510 blocchi all’halving. Tuttavia, non è facile avere una data precisa, che infatti viene stimata tra l’11 e il 21 aprile 2024.

Carlos Mercado, uno analista della società di analisi on-chain Flipside Crypto, ha eseguito 500 simulazioni dei tempi dei blocchi di Bitcoin e ha scoperto quella che appare come la data più probabile, ovvero il 20 aprile 2024.

La rete Bitcoin è progettata per garantire che i blocchi non vengano risolti troppo rapidamente, indipendentemente da quanti miner siano attivi. I minatori stanno dirigendo più potenza di calcolo (hash rate) per risolvere blocchi rispetto al passato e più potenza significa maggiori possibilità di estrarre un blocco in periodi di tempo più brevi.

I blocchi vengono estratti quando un miner fornisce una sequenza di cifre, nota come “hash”, al di sotto di un certo limite numerico. Bitcoin aumenta e abbassa tale limite, chiamato “difficoltà”, in base a quanto velocemente i minatori forniscono quegli hash.

In un post Mercado ha spiegato che ogni due settimane circa, Bitcoin controlla il tempo impiegato per estrarre i precedenti 2.016 blocchi. Se sono stati prodotti più velocemente del previsto, la difficoltà aumenta per diminuire la produzione. Se i blocchi sono stati prodotti più lentamente del previsto, la difficoltà diminuisce per aumentare la produzione.

Bitcoin ha aggiunto 147 blocchi al giorno nell’ultimo anno. La difficoltà influenza indirettamente il tempo necessario per estrarre blocchi e si sviluppa in tempo reale in modo incredibilmente casuale.

Più del 40% di tutte le simulazioni hanno festeggiato il 4/20 con un halving di bitcoin

Mercado ha eseguito centinaia di simulazioni basate sull’andamento dell’anno precedente per vedere se emergessero eventuali pattern. Le simulazioni hanno tenuto conto di potenziali aggiustamenti di difficoltà previsti da correlazioni tra le commissioni di transazione e la potenza di hash.

Dopo aver eseguito 500 simulazioni sui prossimi 100 giorni di produzione, i risultati hanno mostrato che l’halving si è verificato più spesso il 20 aprile, più di 200 volte, rispetto alle 153 per il giorno successivo.

Rendere il mining più agevole per tutti

 

Vai alla prevendita di Bitcoin Minetrix

 

Un progetto strettamente legato al mining di Bitcoin è Bitcoin Minetrix, che ha saputo attirare rapidamente l’attenzione per la sua proposta di valore unica: la tokenizzazione della potenza di mining di Bitcoin in modo che sia alla portata anche dei piccoli investitori.

Mediante lo staking del token nativo della piattaforma, $BTCMTX, gli utenti possono accumulare crediti di mining senza sostenere elevati costi energetici e di hardware. Questi crediti di mining possono essere utilizzati per ottenere potenza di hash per estrarre Bitcoin.

Questo geniale modello Stake-to-Mine ha colpito nel segno, come dimostrano le oltre 14.300 persone attive sul canale Telegram del progetto e, ancora di più, la partecipazione record alla prevendita, con oltre $11,2 milioni di finanziamenti già raccolti.

Con l’avanzare di questa fase, molti analisti hanno previsto che il valore di $BTCMTX potrebbe esplodere dopo essere stato quotato sugli exchange. Lo YouTuber Jacob Bury, per esempio, l’ha addirittura definita come la “migliore criptovaluta da acquistare ora” in un video rivolto ai suoi 28.000 iscritti.

Con i token $BTCMTX disponibili al prezzo scontato di $0,0136, gli investitori dovrebbero considerare l’opportunità di partecipare prima della fine della prevendita e godersi del doppio rendimento garantito dal progetto: quello del mining di BTC e quello dello staking del token.

Vai alla prevendita di Bitcoin Minetrix


INFORMAZIONE PUBBLICITARIA A PAGAMENTO

Give Emotions e la testata La Piazza Web non si assumono alcuna responsabilità per il testo contenuto in questo pubbliredazionale (realizzato dal cliente) e non intendono incentivare alcun tipo di investimento.

Le più lette