martedì, 23 Aprile 2024
HomePadovanoBassa PadovanaMonselice: amministrative 2024, il punto sulla situazione ai piedi della Rocca

Monselice: amministrative 2024, il punto sulla situazione ai piedi della Rocca

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Dopo l’ufficializzazione delle date per le prossime elezioni, Monselice si prepara alla campagna elettorale. Confermata per ora la spaccatura del centrodestra mentre il centrosinistra procede compatto

Monselice alle urne sabato 8 e domenica 9 giugno per eleggere il nuovo primo cittadino. A pochi giorni dall’ufficializzazione delle date per le amministrative, e mentre la città della Rocca si prepara ai prossimi mesi di campagna elettorale, è il momento di fare il punto sulla situazione candidature. Nei mesi scorsi erano già emersi i nomi di alcuni candidati certi. Tra i primi a uscire allo scoperto, con largo anticipo, Gianni Mamprin che già a ottobre aveva annunciato l’intenzione di presentarsi alle prossime elezioni con un gruppo formato dai cittadini e per i cittadini. L’attuale consigliere di opposizione, attivo nella politica locale da decenni, si era candidato anche alle precedenti elezioni ma era stato superato ai voti dall’attuale primo cittadino, Giorgia Bedin. Con questa sua seconda corsa in solitaria, Mamprin riconferma la spaccatura interna al centrodestra di Monselice: una realtà con cui tanto i candidati sindaci e i loro gruppi quanto i cittadini dovranno fare i conti.

Una frattura evidente, consolidata e radicata nel corso del mandato Bedin, a cui le forze di centrosinistra rispondono con un compattamento. I gruppi Monselice Ambiente e Società, Movimento Cinque Stelle e Partito Democratico di Monselice, che avevano annunciato la volontà di seguire un percorso unitario, stanno procedendo sulla strada della collaborazione. Nonostante non sia ancora emerso il nome del candidato sindaco, i tre gruppi stanno lavorando per stimolare il dibattito e la discussione con la cittadinanza, organizzando un ciclo di incontri su svariati temi caldi. Un progetto, quello che gli stessi definiscono coalizione alternativa 2024, che rappresenta una assoluta novità ai piedi della Rocca.

Oltre a Mamprin e al centrosinistra compatto, é certa la ricandidatura di Giorgia Bedin che proverà a conquistare un secondo mandato alla guida di Monselice. Tra voci di corridoio e indiscrezioni su possibili ulteriori candidature, gruppi e programmi, una cosa è certa: i prossimi mesi si preannunciano caldi, fuori e dentro Palazzo Tortorini.

Martina Toso