martedì, 23 Aprile 2024
HomeBreaking NewsOmicidio di Paderno, fermato il presunto killer: un minorenne

Omicidio di Paderno, fermato il presunto killer: un minorenne

Tempo di lettura: 2 minuti circa

I Carabinieri hanno fermato un minorenne: sarebbe lui l’assassino di Bledar Dedja, ucciso a Paderno del Grappa

Un’immagine del luogo dove è stato ritrovato il corpo nel bosco vicino a Paderno

Svolta nelle indagini sul delitto di Paderno del Grappa. In queste ore i Carabinieri del Comando provinciale di Treviso, coordinati dalla Procura della Repubblica, hanno fermato un 17enne, residente in zona: secondo gli elementi raccolti, sarebbe lui l’assassino di Bledar Dedja, il 39enne albanese ucciso lo scorso 20 gennaio.

Dedja era stato ritrovato cadavere, la mattina successiva, in un boschetto isolato, nei pressi di via Colli, a Paderno di Pieve del Grappa. Il fatto che avesse pantaloni e mutande abbassati aveva subito indirizzato le indagini sulla pista di un omicidio a sfondo sessuale. Secondo le ricostruzioni il 39enne residente a Casella d’Asolo, del quale era emersa una “doppia vita”, con una serie di frequentazioni omosessuali, ma non solo, si sarebbe incontrato con il suo assassino nel luogo nel tardo pomeriggio o in serata. L’appuntamento, però, sarebbe degenarato e il partner l’avrebbe colpito con una ventina coltellate alla schiena, prima di dileguarsi. L’auto di Dedja, una Mercedes Classe B, era parcheggiata poco distante, regolarmente chiusa. Dopo poco più di un mese di complesse indagini, con l’intervento anche degli specialisti del Ris, gli investigatori dell’Arma ora paiono aver chiuso il cerchio: le manette di sono strette ai polsi di un giovanissimo. Proprio per questo del caso è ora interessata anche la Procura dei minori di Venezia.

Le più lette