sabato, 2 Marzo 2024
 
HomePadovanoPadovaPadova, in arrivo il più grande raduno dei centenari

Padova, in arrivo il più grande raduno dei centenari

Tempo di lettura: 4 minuti circa

Sono 1570 i centenari ad oggi censiti nei 563 Comuni del territorio veneto, di cui 98 nel capoluogo padovano.

La sfida è radunare a Padova il maggior numero di over 100 e battere così il record detenuto dall’Australia che è riuscita in passato a riunirne 46. Luogo della sfida: il complesso Civitas Vitae “Angelo Ferro” di via Toblino 53 a Padova dove, il prossimo 4 maggio con inizio alle 10 prenderà il via una grande festa che diventa anche messaggio di vita e di speranza per le future generazioni.

In occasione della festa verrà piantato un ulivo di cento anni, per testimoniare la forza e il significato della vita anche nella sua espressione più longeva e rivolta al futuro.

L’iniziativa, organizzata dal Club Over 100, è sostenuta dalla Fondazione Opera Immacolata Concezione (Oic) e dalla Provincia di Padova ed è un tentativo di record ufficialmente riconosciuto dalla Guinness World Records. Il programma e le modalità di partecipazione sono stati presentati oggi dal Vicepresidente della Provincia di Padova, Vincenzo Gottardo, dal presidente dell’Oic Andrea Cavagnis e dal direttore generale dell’Oic Fabio Toso. Testimonial dell’evento, il signor Walter Visentin, 103 anni di forza, determinazione e di passione per la vita.

«Congratulazioni al Club Over 100 e alla Fondazione Oic per l’entusiasmante iniziativa di radunare a Padova il più grande numero di centenari al mondo.  –  commenta il Presidente della Provincia di Padova, Sergio Giordani. – Come Provincia, sosteniamo chi riconosce il valore e la ricchezza delle persone anziane nella nostra comunità» –     

«Viviamo un’epoca in cui purtroppo la società tende a trascurare il contributo delle persone anziane», commenta il Vicepresidente della Provincia di Padova, Vincenzo Gottardo, che ha fatto gli onori di casa a Palazzo Santo Stefano. «È fondamentale invece riconoscere il ruolo vitale che giocano nella nostra comunità. L’età della saggezza è un tesoro prezioso che arricchisce la nostra cultura e la nostra comprensione del mondo.

Sostenere l’iniziativa del Club Over 100 e della Fondazione Oic nel registrare un record mondiale non è solo un’opportunità per celebrare la longevità, ma anche per ribadire l’importanza della solidarietà intergenerazionale, inoltre rappresenta un elemento di attrattiva per il nostro territorio».

Club Over 100

Il “Club Over 100 – ricomincio da zero” è un originale sodalizio nato nel 2008, ispirato dalla Fondazione Oic, che riunisce tutte le persone con almeno cento anni di vita. Fin dai suoi inizi, il club ha promosso il raduno annuale degli over 100, con 16 edizioni che si sono rivelate un successo sia in termini di partecipazione (con più di 500 persone), sia perché hanno coinvolto diverse generazioni insieme, oltre alla presenza delle istituzioni e della banda musicale.

Il Club lancia ora la sfida di superare il record mondiale sul più numeroso raduno di centenari e centenarie: sarà soprattutto una grande festa di amicizia intergenerazionale, tutti uniti per un obiettivo simbolico.

«Da sempre il nostro motto è “la longevità come risorsa” ed in questo senso i centenari ne sono ovviamente la massima espressione, rappresentando un inestimabile patrimonio di esperienze e vita – dichiara il presidente Cavagnis La calorosa adesione alla sfida del Club Over 100 da parte delle amministrazioni locali venete, non a caso un territorio con un’altissima concentrazione di Over 100, dimostra come sia stato compreso il valore simbolico dell’iniziativa.

Auspichiamo infatti che ogni centenario sia accompagnato alla festa non solo dai suoi familiari (figli, nipoti e bisnipoti), ma anche dal suo sindaco, testimoniando così anche visivamente come l’alta qualità di vita dei loro comuni favorisca proprio una vita longeva».

L’evento

Il 4 maggio sono invitati davvero tutti: sindaci, famiglie, mondo del volontariato, istituzioni, associazioni di categoria, associazioni sportive. Ad oggi sono 98 i Comuni e 4 le Province venete che hanno già aderito all’iniziativa (oltre a Padova, anche Treviso, Rovigo e Vicenza), ma l’appello a segnalare centenari e invitarli a partecipare è aperto.

Ospite speciale sarà il Comune di Vicenza, che dopo Padova conta il maggior numero di persone con oltre 100 anni (70 in totale).

Tre esempi di longevità

Il 13 e 14 luglio 1936 Walter Visentin, oggi 103enne, scalò per primo assieme a Severino Casara l’arrampicata del Pelmo, quello spigolo nord-ovest del Pelmetto che dovette attendere fino al 1973 per vedere un bis di quell’impresa.

Oggi Walter è ancora il ritratto della salute e della determinazione, è lucido e racconta scherzando tante delle sue esperienze di vita, mostrandosi una presenza attiva all’interno della Residenza Santa Chiara al Civitas Vitae Mandria

Temis Lanaro, che ha compiuto 100 anni martedì 28 novembre, ha una tempra incredibile, che le permette, non appena si presenta la possibilità, di cucinare ancora per figli e nipoti.

Entrata in riabilitazione all’Urt del Civitas Vitae Angelo Ferro nel polo sanitario di via Gemona 8 proprio in coincidenza del suo compleanno, ne è uscita successivamente ancora sulle sue gambe in ottimo stato di salute

Anna Greif, che ha compiuto 103 anni lo scorso 19 agosto nella Residenza Giovanna Maria Bonomo di Asiago (Vicenza), ha un segreto di elisir di lunga vita.

Ha sempre frequentato regolarmente la palestra e mangia tanta frutta ogni giorno, mantenendosi attiva in ogni attività che viene proposta.

 

 
 
 

Le più lette