domenica, 3 Marzo 2024
 
HomePadovanoPadovaPadova, Lega contro le scelte della Giunta: “Non tutela davvero l’ambiente”

Padova, Lega contro le scelte della Giunta: “Non tutela davvero l’ambiente”

Tempo di lettura: 3 minuti circa

Le critiche. La consigliera Eleonora Mosco non condivide l’approccio dell’amministrazione Giordani

Secondo i dati forniti dall’amministrazione comunale, attualmente ci sono 177 strade con un limite di velocità di 30 chilometri all’ora, per una lunghezza totale di 55 chilometri. Ma in futuro aumenteranno. Sull’onda del caso bolognese, arriva con forza anche a Padova il tema “Città30”.

La mobilità

La consigliera Eleonora Mosco critica l’approccio ideologico dell’amministrazione Giordani

È l’ennesima follia ideologica – commenta la consigliera della Lega –. Multare chi andrà a 36 km/h non andrà nella direzione di tutelare l’ambiente. Contrastiamo il metodo con cui questa amministrazione agisce per risolvere i problemi cercando di rifarsi al famoso gretismo ambientale.

La minoranza esprime forti critiche anche sull’attuazione del Piano Urbano di Mobilità Sostenibile, che propone un graduale allargamento della limitazione nelle zone residenziali, mantenendo però i limiti attuali sulle direttrici principali come la circonvallazione.

Abbiamo bisogno di una Padova che corra veloce non che retri vedendo l’auto come un nemico da abbattere – continua Mosco –. Serve un reale buon senso e basta con questa ideologia miope che contraddistingue questa amministrazione”.

Raccolta differenziata

La discussione delle scelte della Giunta Giordani si estende anche al sistema di raccolta porta a porta dei rifiuti, che si sta estendendo al quartiere Sacra Famiglia, suscitando però dubbi sulla praticità e fattibilità del sistema in un contesto con edifici di oltre dieci piani e condomini con numerosi anziani. Un quartiere con una struttura diversa rispetto a quelli in cui il porta a porta è già stato implementato con successo.

Su questo la consigliera leghista Eleonora Mosco ha depositato una mozione insieme al collega Ubaldo Lonardi e ai tre esponenti di Fratelli d’Italia, Matteo Cavatton, Elena Cappellini ed Enrico Turrin.

Chiediamo di attivare una consultazione popolare rivolta ai residenti per conoscere il loro parere sul porta a porta – spiega Mosco –. In più, chiediamo di considerare l’utilizzo di metodi meno invasivi e più adatti alle realtà territoriali e urbanistiche della Sacra Famiglia, come ad esempio i cassoni interrati, quelli con chiave, le isole ecologiche con tessera magnetica e la videosorveglianza”.

Critiche al sistema già presente in Arcella “Abbiamo visto il risultato – aggiunge il consigliere Ubaldo Lonardi, consigliere della Lega – con più di 600 aree di stoccaggio che deturpano i bei condomini dell’Arcella. Quel sistema non ha migliorato nulla e ha fallito, quindi non solo non va riproposto in nessun altro quartiere ma va tolto dove c’è”.

Secondo l’opposizione, l’introduzione delle isole ecologiche rappresenterebbe un contrasto evidente con gli obiettivi dichiarati dall’Amministrazione, che si presenta come orientata ad un approccio “green”.

Una scelta accusata, secondo la Lega, di minare il proclamato miglioramento del quartiere e dell’ambiente, evidenziando preoccupazioni legate alla diminuzione di spazi verdi e giardini privati, all’ulteriore consumo di suolo e alla cementificazione dello stesso.

Parcheggi

Inoltre, si solleva l’attenzione sulla riduzione di spazi destinati a parcheggi, un aspetto critico soprattutto in un contesto urbano. Le critiche si estendono anche alle possibili difficoltà che il nuovo sistema potrebbe creare per le persone disabili, considerando l’accumulo di numerosi cassonetti lungo i marciapiedi, rendendo difficile il transito.

Nel frattempo, l’amministrazione si prepara ad avvicinare gradualmente i residenti al sistema di raccolta porta a porta. Al momento, non sono stati ancora programmati incontri diretti nel quartiere, ma è previsto che inizino entro la prossima primavera, con il coinvolgimento della consulta di quartiere. L’obiettivo è introdurre la nuova modalità di raccolta dei rifiuti in modo graduale ed entro l’arco dell’anno.

 
 
 

Le più lette