sabato, 20 Aprile 2024
HomePadovanoPadovaPadova, tentano di rapinare una sala Slot. Nei guai due minorenni

Padova, tentano di rapinare una sala Slot. Nei guai due minorenni

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Nella tarda mattinata due giovani sono entrati nella sala giochi slot “17srl” di via Lisbona, e hanno tentato il colpo.

Hanno inizialmente cambiato qualche banconota in gettoni per giocare ai videopoker, poi hanno distratto il responsabile impedendogli di avvicinarsi alla cassa. Mentre uno gli copriva la visuale frapponendosi tra lui e la cassa stessa, l’altro l’ha svuotava delle banconote lì custodite. Quando il responsabile si è reso conto di cosa i due stavano combinando, ha bloccato il giovane che aveva visto poco prima nei pressi della cassa e che stava stringendo la giacca come per celare qualcosa.

È stato in quel momento che il giovane, divincolandosi per sfuggire alla presa dell’uomo, ha fatto cadere i soldi sottratti in cassa e, per guadagnarsi la fuga, lo ha spinto.

I due sono poi scappati insieme fuori dal locale dove li stava attendendo un’auto precedentemente lì parcheggiata con la quale si sono allontanati a tutta velocità. Il responsabile ha quindi chiamato i Carabinieri al 112 e subito la Centrale Operativa ha inviato una pattuglia del Radiomobile di Padova che ha visionato le immagini delle telecamere di videosorveglianza, hanno effettuato i rilievi del caso e diramato le ricerche dei sospettati.

Carabinieri

Allertate tutte le pattuglie, i due sono stati successivamente rintracciati e bloccati dai Carabinieri del Norm di Abano Terme a Padova in via Guizza, alla guida dell’autovettura segnalata. I carabinieri hanno accertato che i due giovani a bordo dell’autovettura, corrispondenti alla descrizione fornita dalla vittima, erano entrambi minorenni, di 14 e 15 anni, senza fissa dimora e già conosciuti alle Forze dell’Ordine. Oltre ad essere senza patente poiché mai conseguita in quanto minorenni, stavano guidando un’autovettura risultata radiata.

Accompagnati in caserma per essere compiutamente identificati, al termine degli atti di rito, sono stati denunciati in stato di libertà all’A.G. per i minorenni di Venezia a cui dovranno rispondere di tentata rapina in concorso, inoltre, poiché non è stato possibile rintracciare alcun familiare a cui affidare i due minorenni, questi sono stati portati in due distinte comunità del padovano