venerdì, 12 Aprile 2024
HomePadovanoPadova NordPiazzola sul Brenta, maxi operazione contro lo sfruttamento del lavoro nero

Piazzola sul Brenta, maxi operazione contro lo sfruttamento del lavoro nero

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Scoperte irregolarità in aziende tessili gestite da cittadini cinesi. Due laboratori dell’Alta Padovana nel mirino

Un’operazione sinergica condotta dai Carabinieri di Piazzola Sul Brenta, in collaborazione con il Nucleo Ispettorato del Lavoro di Padova e la Compagnia di Cittadella, ha messo sotto la lente di ingrandimento due aziende locali operanti nel settore del confezionamento tessile e gestite da cittadini di origine cinese.

I controlli

Durante l’attività di controllo, che si è svolta nei giorni scorsi, sono stati identificati complessivamente 23 lavoratori stranieri provenienti principalmente da Cina, Bangladesh e Pakistan.

Di questi, ben 10, con un’età compresa tra i 26 e i 51 anni, di cui 5 donne e 5 uomini, tutti di nazionalità cinese ad eccezione di uno originario del Bangladesh, sono risultati essere presenti sul territorio italiano in maniera irregolare. Pertanto, sono stati segnalati alle autorità giudiziarie competenti per ingresso e soggiorno illegale nel territorio italiano.

Le indagini

Le indagini hanno anche portato all’individuazione dei titolari delle due aziende, un uomo di 42 anni e una donna di 45, entrambi residenti a Piazzola sul Brenta e di origine cinese. Entrambi sono stati denunciati in stato di libertà all’A.G. di Padova per il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e sfruttamento dei lavoratori.

Inoltre, nel corso dell’operazione, sono state comminate sanzioni amministrative per un valore totale di 106.560,00 euro e ammende per un totale di 63.523,09 euro. Sono stati avviati procedimenti per il recupero contributivo pari a 16.000,00 euro relativi all’impiego dei 10 lavoratori stranieri irregolari, oltre a ulteriori sanzioni per l’impiego di altri 4 lavoratori in nero, sebbene in regola con il permesso di soggiorno, per violazioni delle normative sulla sorveglianza sanitaria, sulla formazione dei lavoratori e sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.