sabato, 24 Febbraio 2024
 
HomeRodiginoAdriaRiorganizzazione delle scuole del Polesine, Bonfante: "Il territorio va difeso con una...

Riorganizzazione delle scuole del Polesine, Bonfante: “Il territorio va difeso con una speciale pianificazione scolastica”

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Bonfante sottolinea che le ricadute saranno notevoli, influenzando sia l’organizzazione delle scuole che i servizi di segreteria e sorveglianza dei plessi

Il segretario provinciale Snals, Rita Bonfante, esprime  le sue preoccupazioni sulla riorganizzazione delle scuole nel Polesine, annunciata dalla giunta regionale veneta nell’ambito del ridimensionamento della rete scolastica.

Bonfante sottolinea che le ricadute saranno notevoli, influenzando sia l’organizzazione delle scuole che i servizi di segreteria e sorveglianza dei plessi. La riorganizzazione coinvolge quattro Istituti Comprensivi, riducendoli a due principali: l’I.C. di Fiesso e l’I.C. di Stienta diventano l’I.C. di Fiesso-Stienta con sede a Fiesso Umbertiano, mentre l’I.C. di Taglio di Po e l’I.C. di Ariano Polesine formano l’I.C. di Taglio di Po-Ariano con sede a Taglio di Po. Inoltre, due Istituti Superiori, l’I.I.S. Colombo di Adria e l’IPSOA Cipriani di Adria, si uniscono per formare l’I.S.-Cipriani-Colombo con sede ad Adria. Bonfante evidenzia il cambiamento significativo nella conformazione degli istituti comprensivi, passando da 6/7 plessi a 13, con distanze notevoli tra i vari plessi e la sede di direzione. Per quanto riguarda i due Istituti Superiori saranno composti da 6 plessi due dei quali considerevolmente lontani dalla sede di direzione (uno a Porto Viro e uno a Porto Tolle) se pensiamo che da Adria a Porto Tolle si devono percorrere più di 40 km. Un aspetto critico riguarda il personale, che non subirà un aumento proporzionato al numero dei plessi, generando disagi nelle dinamiche quotidiane. Lo Snals critica la decisione, sottolineando che la logica del dimensionamento è basata principalmente sui numeri, trascurando le peculiarità del territorio del Polesine.

Bonfante afferma: “Non si può dimenticare che il nostro Delta è un territorio insulare e che il territorio del nostro Polesine ha bisogno di essere difeso proprio per la sua particolarità e richiede una considerazione speciale nella pianificazione scolastica”. Il sindaco di Porto Tolle, Roberto Pizzoli, fa sapere che sono in corso le trattative per garantire che il plesso scolastico del Colombo di Porto Tolle e l’Istituto Comprensivo Brunetti diventino un unico istituto, cercando soluzioni per mitigare gli impatti della riorganizzazione sulla comunità educativa locale. (gu.fe.)

 
 
 

Le più lette