lunedì, 22 Aprile 2024
HomeRodiginoProvincialeRovigo, giornata decisiva per il futuro della piscina comunale a Palazzo Nodari

Rovigo, giornata decisiva per il futuro della piscina comunale a Palazzo Nodari

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Salta il numero legale: oggi 14 febbraio riconvocato il Consiglio comunale decisivo sul futuro della piscina di Rovigo.

Dalla mezzanotte di oggi 14 febbraio le dimissioni del sindaco Edoardo Gaffeo diventano operative. Ma le ore che si profilano nella giornata di San Valentino per il Consiglio Comunale, sono intense e caldissime. E non per festeggiamenti legati alla festa degli innamorati. Anche perché il divorzio tra Partito Democratico e il primo cittadino Gaffeo è cosa nota. Sul piatto c’è da risolvere la questione piscine.

E oggi alle 14,30 in seconda convocazione c’è il Consiglio Comunale decisivo sulla sorte della piscina comunale di Rovigo. Il Polo Natatorio di viale Porta Po è stato chiuso il 31 gennaio dopo l’annuncio del Comune, proprietario della struttura, per effettuare lavori urgenti di straordinaria manutenzione.

A Palazzo Nodari, l’emiciclo già ieri 13 febbraio avrebbe dovuto votare la variante di bilancio da circa 600mila euro che permette di stanziare i soldi per effettuare i lavori alle due piscine, “Tosi” e “Baldetti” e partire con il grosso dei cantieri. E poi dare l’ok al bando per affidare ad una nuova gestione l’impianto acquatico comunale. Nulla però è stato fatto.

Dopo ore di consiglio nella tarda serata Lega, Pd e Gruppo Menon sul vivo del tema piscine dopo aver fatto presente la loro contrarietà, hanno abbandonato l’aula facendo saltare il numero legale. In consiglio comunale sono rimasti solo i fedeli del sindaco, dimissionario.

Resta da capire che succederà oggi a Palazzo Nodari, alla luce di una prima seduta incandescente. Il rischio oltre che della già acclarata crisi politica del centrosinistra e della credibilità di Gaffeo- che dimissionario circa 20 giorni fa puntava a chiudere la partita delle piscine, prima di lasciare con tre mesi di anticipo lo scranno di primo cittadino- è che se il Consiglio Comunale non vota la variazione di bilancio necessaria per far partire i lavori alla piscina, il Polo Natatorio non si sa se riaprirà in tempi brevi. E nella peggiore delle ipotesi, neanche in tempi più lunghi.