venerdì, 1 Marzo 2024
 
HomeRodiginoProvincialeRovigo, Giulia Schiesaro: "Che emozione essere il sindaco dei ragazzi"

Rovigo, Giulia Schiesaro: “Che emozione essere il sindaco dei ragazzi”

Tempo di lettura: 3 minuti circa

Giulia Schiesaro, sindaco del Consiglio Comunale dei Ragazzi di Rovigo ha raccontato con emozione il giorno dell’elezione

«Mi piace molto lavorare con le persone, mi affascina la mente umana, cerco sempre di mettermi in empatia con gli altri, di capire i loro problemi e aiutarli». Le caratteristiche principali per diventare un futuro sindaco ci sono tutte e la giovane rodigina Giulia Schiesaro, 11 anni, con la sua personalità e sensibilità ha già colpito il consiglio comunale dei ragazzi, tanto da diventarne il sindaco. La giovane studentessa della Scuola Secondaria di Primo grado “Venezze” di Rovigo è stata infatti eletta il 15 dicembre 2023 sindaco del Consiglio Comunale dei ragazzi a Palazzo Nodari. La sua materia preferita è Scienze e già in quarta elementare aveva ricoperto il ruolo di rappresentante di classe. Ora in prima media, è diventata primo cittadino per i ragazzi a Palazzo Nodari.

“Mi piace stare a contatto con le persone”

Un incarico che la giovane ha accolto con entusiasmo ed impegno: “Mi piace la veste politica, rappresento tantissimi ragazzi, loro mi prendono come un punto di riferimento. Mi è piaciuto tantissimo stare con altre persone sono riuscita in poco a tempo a catturare la loro attenzione” racconta Giulia parlando della sua prima volta a Palazzo Nodari, sede del Municipio del capoluogo polesano.

Una giornata emozionante che la studentessa Giulia Schiesaro scorderà difficilmente. “Sono entrata nella sala consigliare del Municipio di Rovigo per la prima volta in occasione del consiglio comunale dei ragazzi e devo dire che era proprio come l’avevo immaginata”.

Vicino a lei c’erano tanti altri ragazzi di altre scuole rodigine, 19 quelli scelti per diventare sindaco e ognuno ha esposto il proprio progetto. Una mini campagna elettorale con tanto di slogan. Un piano educativo e civico per crescere ed educare i cittadini del domani partendo dalla scuola.

La seduta è stata coordinata da Valentina Roversi e Daniel Contage dell’Università degli Studi di Padova – Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata, che collaborano per  lo svolgimento dell’attività di supporto al funzionamento del Consiglio Comunale dei ragazzi.

Il suo slogan per rilanciare Rovigo

«Noi rappresentiamo il nostro futuro, e anche quello degli altri. Rappresentare qualcosa di brutto anche no» con questa frase ho catturato l’attenzione dei miei compagni di banco racconta la studentessa. E così Giulia dopo essersi guadagnata la simpatia dell’Emiciclo è stata eletta primo cittadino dei ragazzi. Il progetto che ha proposto durante l’incontro?  Lo racconta lei stessa.

«Il Mercatino su misura- spiega nel dettaglio la giovane rodigina- Si chiama così il progetto che ho esposto e consiste in due giorni i cui i ragazzi si ritrovano all’aperto, si portano la loro merce, oggetti riciclati o che non usano più e pubblicizzano i loro prodotti. Insomma una mini fiera.  Magari si appassionano al commercio e da grandi riempiono i negozi vuoti che, visti facendo una passeggiata in città, sono tanto tristi». Una presentazione che ha colto nel segno e infatti Giulia ha conquistato la fascia tricolore.

L’elezione e la successiva nomina si è tenuta sempre in sala consigliare. Giulia Schiesaro assieme al vice sindaco vice Leo Panzavolta eletto sempre dall’assemblea dei giovani studenti sono ai vertici del Consiglio comunale dei ragazzi. Hanno partecipato portando il loro saluto, congratulandosi con i neo-eletti anche la presidente del Consiglio Comunale Nadia Romeo e l’assessore alle Politiche giovanili Mattia Milan. Presente anche la presidente Unicef Comitato di Rovigo, Anna Maria Vesco.

 
 
 

Le più lette