martedì, 23 Aprile 2024
HomePadovanoCamposampierese OvestRubano, Dritti al Cuore. Ecco le destinazioni delle 24 opere

Rubano, Dritti al Cuore. Ecco le destinazioni delle 24 opere

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Dritti al Cuore, ecco le destinazioni delle 24 opere degli studenti del Selvatico e del Valle: sedi istituzionali, associazioni, RSA e ospedali tra Padova e Venezia

Mancano pochi giorni alla chiusura della mostra Dritti al Cuore a Le Brentelle, e proprio in queste ore è stato ultimato l’abbinamento delle 24 opere con i beneficiari ai quali saranno donate. Si può quindi annunciare la destinazione finale delle 24 sculture a forma di cuore, decorate nei mesi scorsi dagli studenti del Selvatico e del Valle e caratterizzate da un aforisma proposto dai clienti del centro commerciale.

«Per noi è motivo di orgoglio vedere già ora come, concretamente, Dritti al Cuore continuerà dopo la fine della mostra. Ancor di più siamo felici di aver visto, sin dall’inaugurazione, l’entusiasmo che si è sprigionato attorno al lavoro degli studenti.  – affermano Luca Rossi, AD Ses Italy, e Nicola Polico, center manager Le Brentelle – Entusiasmo che ha contribuito a tessere o a rinforzare le reti tra istituzioni e associazioni: in queste settimane, infatti, molte realtà, che abbiamo inizialmente coinvolto, hanno coinvolto a loro volta altri soggetti. La nostra visione di centro commerciale è che sia un luogo di incontro e di relazioni, non di passaggio: il progetto Dritti al Cuore si sposa pienamente con questa visione e sta andando anche oltre le nostre aspettative».

Si potranno ammirare tutte insieme ancora fino al 25 febbraio poi, dal giorno successivo, le opere saranno nella disponibilità di enti e associazioni del territorio, che decideranno dove collocarle per continuare a celebrare l’amore in tutta la sua varietà e diversità.

La mappa

La mappa che si sta delineando vede questi 24 grandi e coloratissimi cuori continuare a “battere”, a partire dal 26 febbraio, in tutta la città di Padova, in provincia tra RubanoVilla del Conte e Camposampiero fino a sconfinare nel Veneziano. I luoghi per il momento scelti sono sedi istituzionali, sedi associative o luoghi cari alle associazioni stesse che sono state coinvolte.

Per esempio, il Comune di Padova ne collocherà ben 6 in diverse sue sedi; ma anche la Provincia, il Comune di Rubano e il Comune di Villa del Conte avranno un’opera da posizionare.

Fra le destinazioni, molte sono luoghi di assistenza dove opera l’associazione Gioca con il cuore (clownterapia): l’Oncoematologia pediatrica dell’ospedale di Padova, il reparto di Pediatria dell’ospedale di Mirano (Ve), il centro residenziale OIC Nazareth, Casa Priscilla e l’RSA Casa Gialla di Camposampiero.

I temi

Nel progetto Dritti al Cuore, del resto, la “cura” è stato un filo conduttore importante: la cura verso l’altro, da qui i cuori che andranno alle associazioni Down Dadi e Aism (sclerosi multipla), e la cura e il rispetto per la natura e per chi la abita con le opere destinate a Plastic Free e alla Lega nazionale per la difesa del cane (canile di Rubano).

Un altro tema ricorrente dei lavori degli studenti è stato, comprensibilmente, la violenza di genere come conseguenza dell’assenza di amore: 3 cuori in particolare andranno al Centro Veneto Progetti Donna di Padova e alle associazioni Cantiere delle donne e la veneziana Riviera Donna.