mercoledì, 24 Aprile 2024
HomeBreaking NewsSi fingono assicuratori e truffano 55enne di Codognè

Si fingono assicuratori e truffano 55enne di Codognè

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Denunciati dai Carabinieri quattro finti assicuratori: hanno truffato una 55enne di Codognè

Le hanno fatto credere di aver stipulato una polizza assicurativa on line, in realtà inesistente, facendosi accreditare quasi 370 euro. Autori del raggiro ai danni di una 55enne di Codognè quattro persone, rispettivamente di 67, 48, 46 e 37 anni, tutti residenti in provincia di Crotone e già con precedenti di polizia a carico. I quattro calabresi sono stati individuati e denunciati dai Carabinieri della stazione della cittadina della Sinistra Piave trevigiana.

La donna aveva chiesto un preventivo per una polizza on line: in un primo momento aveva ricevuto una proposta con un premio di 367 euro. Un paio di giorni dopo però, l’importo era stato alzato a 408 euro senza alcuna spiegazione. A questo punto la signora ha cercato sul web il numero di telefono della compagnia di assicurazioni per chiarire la situazione, ma le è stato fornito un ulteriore recapito telefonico. Quindi ha chiamato quell’utenza e ha parlato con un presunto operatore che le ha detto di non sapere nulla dell’aumento e che le avrebbe inviato un nuovo preventivo al prezzo iniziale. Infatti, poco dopo, ha ricevuto un messaggio su whatsapp con un’immagine che mostrava la targa della sua auto e l’importo da pagare di 367,12 euro, accompagnata da un Qr-code, che la donna ha utilizzato presso una cartolibreria per effettuare il versamento. Avendo, però, atteso invano la conferma dell’avvenuta stipula della polizza e il relativo tagliando per la copertura assicurativa, ha ripetuto la ricerca sul web e ha scoperto di aver contattato il sito sbagliato, creato appositamente da dei truffatori. Quindi ha chiamato il vero numero della compagnia assicurativa e ha appreso dall’operatore di turno di essere stata raggirata, proprio perché la compagnia in questione non utilizza whatsapp per interloquire con i clienti. A quel punto non le è restato altro da fare che rivolgersi ai Carabinieri.

Le più lette