mercoledì, 28 Febbraio 2024
 
HomeRubricheCriptovaluteSPONGE V1 è stato ufficialmente dismesso mentre la nuova V2 è stata...

SPONGE V1 è stato ufficialmente dismesso mentre la nuova V2 è stata lanciata su Polygon e ha fatto immediatamente registrare una crescita del 56%

Tempo di lettura: 3 minuti circa

La nuova meme coin Sponge sta registrando un forte rialzo dopo il lancio su Polygon della sua nuova versione SPONGE V2. Analizziamo la sua roadmap per comprendere quali sono le prospettive di crescita

Nella giornata di ieri – martedì 6 febbraio 2024 – il token SPONGE V1 basato su Ethereum è stato dismesso. Al suo posto è arrivato $SPONGE V2, lanciato su Polygon, la sidechain di Layer 2 di Ethereum. Questo passaggio permette alla nuova meme coin di sfruttare l’elaborazione delle transazioni più veloce e le tariffe di gas più economiche della soluzione di scaling di Polygon.

Sebbene la migrazione fosse originariamente pianificata per le prossime settimane, un recente attacco alla pool di liquidità ha accelerato il processo.

<<<Scopri SPONGE V2>>>

Un’utilità destinata a giovare al token V2

Questa svolta strategica anticipa anche il lancio del gioco di corse play-to-earn Sponge Racer di cui il token sarà parte integrante. Il titolo permetterà ai giocatori di competere tra loro per scalare la classifica mondiale, mettendo a disposizione sia una modalità gratuita (per allenarsi) sia una a pagamento. Gareggiando con quest’ultima si potranno guadagnare, in base ai risultati ottenuti, ricompense che verranno pagate in token SPONGE V2.

I detentori possono ottenere ulteriori vantaggi dai loro token, mettendoli in staking su Polygon così da garantirsi rendimenti superiori al 7.000%, una percentuale nettamente superiore al rendimento che è possibile ottenere con altre meme coin.

Con questo modello di staking, il tasso APY non è fisso ma fluttua a seconda del numero di token e per e per quanto tempo vengono messi in staking. Il che significa che se il progetto decolla, le soddisfazioni per gli investitori saranno molte. Tanto è vero che, finora, la community ha già messo collettivamente in staking quasi 8 milioni di token.

Acquisizione di SPONGE V2

Le negoziazioni di SPONGE V1 sugli exchange centralizzati sono state interrotte lunedì 5 febbraio a mezzanotte (ora italiana). Coloro che detenevano token sono stati invitati a ritirare le proprie partecipazioni e metterle in staking attraverso il sito ufficiale di Sponge. Chi l’ha fatto prima della scadenza, ha ricevuto automaticamente SPONGE V2, con un rapporto di 1:1, così da iniziare a fare trading e guadagnare ricompense di staking.

I detentori che custodiscono autonomamente o utilizzano altri metodi decentralizzati per conservare i loro token V1 possono comunque metterli in staking sempre attraverso il sito di Sponge.

Il nuovo token SPONGE V2 ha iniziato a fare trading ieri allo stesso prezzo della sua precedente versione, al fine di garantire una transizione senza intoppi. Vale la pena ricordare che nel suo momento di maggior successo, SPONGE aveva una capitalizzazione di mercato di $100 milioni con 13.000 detentori.

I fan di SPONGE sperano vivamente che questa nuova versione della loro meme coin preferita sia pronta per superare il precedente massimo storico di $0,0012 raggiunto l’8 gennaio di quest’anno.

Anche importanti influencer nel settore delle criptovalute stanno facendo sentire la propria voce e non manca chi sta già scommettendo su un significativo aumento del prezzo di SPONGEV2. Il noto esperto Insider Alpha, per esempio, in un video condiviso con i suoi follower su YouTube non ha avuto esitazione nel definire Sponge V2 “la prossima criptovaluta meme da 100x”.

Con il nuovo modello di staking del token, i vantaggi offerti dalla rete Polygon e la prospettiva di un videogioco play-to-earn dietro l’angolo, le ragioni per essere ottimisti, in effetti, sono davvero molte.

<<<Scopri SPONGE V2>>>

 

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA A PAGAMENTO
Give Emotions e la testata La Piazza Web non si assumono alcuna responsabilità per il testo contenuto in questo pubbliredazionale (realizzato dal cliente) e non intendono incentivare alcun tipo di investimento.

 
 
 

Le più lette