sabato, 2 Marzo 2024
 
HomeVeronaStop alle bombe sui civili: il municipio di Verona si tinge di...

Stop alle bombe sui civili: il municipio di Verona si tinge di blu

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Il Comune aderisce alla campagna di sensibilizzazione in occasione della Giornata nazionale delle vittime civili delle guerre e dei conflitti del mondo.

Sono i civili cittadini a subire gli effetti più devastanti nei conflitti armati. Bambini, donne e uomini che vengono brutalmente uccisi, famiglie che vengono spezzate, vite distrutte per sempre.

Nel ribadire la propria contrarietà a tutte le guerre, il Comune di Verona aderisce all’iniziativa dell’Anci, che si celebra oggi 1° febbraio. Lo fa illuminando di blu Palazzo Barbieri e proiettandovi la scritta ‘Stop alle bombe sui civili’, attribuendo così un alto valore simbolico alle parole.

Nell’ultimo anno si calcola siano state oltre 33 mila le vittime civili coinvolte nella trentina di guerre in corso nel mondo, un numero di vittime mai così elevato dopo il  2010, fortemente condizionato dal protrarsi del conflitto russo-ucraino e dalla recrudescenza del conflitto israelo-palestinese.

Questa sera, quindi, su Palazzo Barbieri illuminato di blu comparirà la scritta ‘Stop alle bombe sui civili’, due gesti simbolici per ricordare le esperienze vissute dalla popolazione civile nel corso delle guerre passate e riflettere sull’impatto dei conflitti odierni sui civili di tutto il mondo, di cui la guerra in medio Oriente e in Ucraina ci offre un ultimo drammatico esempio.

“Il Comune crede nella pace e confida nella creazione di una ‘terza via’ e cioè una posizione che difenda il diritto alla vita di ciascuno, i civili di una e dell’altra parte, facendosi portatore della volontà di difendere gli innocenti, fermando la violenza”– afferma l’assessore alla Memoria Storica Jacopo Buffolo-. Questa campagna lancia un appello universale alla collettività e alla comunità internazionale, affinchè le Convenzioni, i Trattati e le Dichiarazioni internazionali che già esistono vengano estesi, attuati e rispettati”.

L’adesione alle celebrazioni è stata promossa dall’Associazione nazionale vittime civili di guerra in collaborazione con Anci.

 
 
 

Le più lette