martedì, 23 Aprile 2024
HomeRodiginoAdriaAlbarella, dopo 3 anni di restauro, inaugurata la Goletta Catholica

Albarella, dopo 3 anni di restauro, inaugurata la Goletta Catholica

Tempo di lettura: 6 minuti circa

La storica imbarcazione Goletta Catholica, restaurata, ospiterà un nuovo progetto didattico di educazione ambientale. Il varo ad Albarella

La storica Goletta Catholica, dopo un restauro di tre anni, è pronta per diventare il cuore di uno dei più qualificati progetti di educazione ambientale dedicato al mare e alla biodiversità. Al varo di questa iniziativa hanno partecipato Luca Zaia, Presidente Regione del Veneto, Gilberto Muraro, Presidente Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, Moreno Gasparini, Presidente Ente Parco Naturale Regionale Veneto del Delta del Po, Stefano Ciafani, Presidente Nazionale Legambiente e Francesca da Porto, Prorettrice Università di Padova. Hanno portato il loro saluto Michele Grossato, Sindaco del Comune di Rosolina e Giuseppe Toffoli, Presidente Fondazione Goletta L.A.B. (Laboratorio per l’Ambiente e la Biodiversità).

Presenti anche il Prefetto di Rovigo Clemente Di Nuzzo, il presidente della Provincia di Rovigo, Enrico Ferrarese, il senatore Bartolomeo Amidei, l’assessore regionale Cristiano Corazzari, la consigliera regionale Laura Cestari e il sindaco di Porto Viro Valeria Mantovan. Gli Enti così rappresentati, infatti, già nel 2019 hanno sottoscritto un protocollo d’intesa, a cui partecipa anche il Ministero dell’Ambiente, per la gestione dell’imbarcazione e delle attività ad essa collegate.

Gli obiettivi principali

Gli obiettivi della Fondazione Goletta L.A.B. sono principalmente tre: l’educazione ambientale rivolta alle scuole di ogni ordine e grado; la valorizzazione e la promozione del territorio, anche con azioni in ambito turistico, culturale e di sviluppo sostenibile; le campagne di studi e ricerca scientifica svolte dal Dipartimento di Biomedicina comparata e alimentazione (Bca) dell’Università di Padova, impegnato nel monitoraggio di cetacei (Progetto Delfini) e tartarughe marine (Caretta caretta). Goletta Catholica avrà anche un importante ruolo nelle attività che l’Ente Parco Veneto del Delta del Po svolge in collaborazione con diversi partner, come l’Arpav, nell’Adriatico settentrionale dove è stato istituito Sito di interesse comunitario (SIC IT3270025 Adriatico settentrionale Veneto – Delta del Po) di cui l’Ente Parco è il gestore. Queste attività di monitoraggio e sensibilizzazione verso la conservazione degli habitat e la crisi climatica sono coerenti che le precedenti attività di Goletta Catholica, divenuta famosa per essere stata la prima “Goletta Verde” di Legambiente. Le attività della Fondazione Goletta L.A.B. saranno avviate nelle prossime settimane e si svolgeranno con l’imbarcazione ormeggiata presso il porticciolo di Albarella. Complessivamente saranno coinvolti oltre 2200 studenti.

Le parole del presidente Luca Zaia

La definisco una nave ‘corsara’ – le parole del presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia – perché questa goletta è stata a lungo un pungolo per le istituzioni e oggi non possiamo che ringraziare Legambiente per i risultati ottenuti. L’ambiente è un diritto per tutti, va tutelato sotto ogni aspetto, un impegno che come amministrazione portiamo avanti fin dai primi giorni di avvio mandato. Legambiente ha portato avanti con dedizione l’operazione Goletta Verde nata quarant’anni fa, con l’obiettivo di tutelare i nostri mari e le nostre coste. Oggi festeggiamo la fine di un imponente lavoro di restauro, assieme a numerosi compagni d’avventura che hanno affiancato l’impegno della Regione del Veneto: Legambiente Nazionale APS Onlus, Fondazione Cariparo, Università degli studi di Padova e Ente Parco Naturale Regionale Veneto del Delta del Po.La splendida imbarcazione originaria, varata nel 1936, non è stata demolita ma il nostro territorio ha trovato risorse e maestranze per recuperarla. Continuerà a lavorare a tutela dei nostri mari, delle nostre acque e con una particolare attenzione all’aspetto didattico, insegnando ai più piccoli il valore della tutela dell’ambiente”.

Il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, è intervenuto così ieri mattina 11 marzo all’inaugurazione della conclusione dei lavori di restauro della Goletta Catholica di Legambiente all’Isola di Albarella (Rovigo). “Oggi assieme alla rinnovata goletta abbiamo inaugurato ‘A scuola di mare e biodiversità a bordo di Goletta Catholica’, un progetto che ha come presupposto quello di creare uno dei più qualificati centri di attività di educazione ambientale dedicato al mare, alla biodiversità e alle giovani generazioni – prosegue Zaia-. Dalla prossima settimana, saliranno oltre 3mila studenti con l’obiettivo di svolgere una serie di laboratori scientifici che permettano ai giovani di assumere più consapevolezza sullo straordinario valore del nostro territorio”.

Progetto “A scuola di mare e biodiversità a bordo di Goletta Catholica

Si inizia il 18 marzo con “Attivamente”, il programma di iniziative extradidattiche offerte gratuitamente da Fondazione Cariparo alle scuole di ogni ordine e grado delle province di Padova e Rovigo, a cui hanno aderito 40 istituti scolastici per un totale di 80 interventi (circa 160 classi). Le attività sono rivolte alle scuole primarie e secondarie di 1° e 2° grado e sono a titolo gratuito. Nell’anno scolastico 2024-25 le attività didattiche saranno rivolte alle scuole del Veneto delle provincie di Venezia, Treviso, Verona, Belluno, Vicenza. Sempre a marzo di quest’anno saranno intraprese le attività previste dal bando “Siti naturali UNESCO e ZEA per l’educazione ambientale 2022-24”, finanziato dal Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, che prevede la visita su Goletta per gli alunni della primaria delle scuole del Delta del Po Riserva di Biosfera MAB UNESCO per un totale di circa 1000 studenti.

Attività con l’Università di Padova. Il Dipartimento di Biomedicina Comparata e Alimentazione (BCA) dell’Università di Padova è un riferimento nazionale per lo studio dei vertebrati marini come cetacei e tartarughe. In tal senso coordina azioni di monitoraggio della biodiversità marina a livello regionale e internazionale applicando nuove tecnologie sia in mare sia a terra. Grazie a collaborazioni Catholica sarà anche uno strumento di coesione internazionale. I progetti di ricerca: Life Delfi (https://lifedelfi.eu) che studia l’interazione tra le specie marine target e l’uomo, cercando di mitigare l’impatto delle attività umane sugli ecosistemi marini. Il progetto mira a promuovere pratiche di pesca sostenibili e a sensibilizzare il pubblico sull’importanza della biodiversità marina. Poseidone, la Goletta Catholica si trasformerà in una piattaforma mobile per il monitoraggio di cetacei e tartarughe marine nel loro habitat naturale. A bordo saranno ospitate le “Summer School” finalizzate a coinvolgere studenti universitari internazionali all’apprendimento di metodologie tradizionali e innovative di monitoraggio e gestione di specie protette in ambiente marino.

Il progetto Diaphonia nell’ambito dell’iniziativa JPI Ocean, esplora un tema di cruciale importanza: l’impatto del suono sottomarino sugli organismi acquatici. I ricercatori dell’Università di Padova sono impegnati nello studio delle risposte comportamentali e fisiologiche della fauna marina all’inquinamento acustico, contribuendo a delineare strategie per la protezione degli ecosistemi marini. Il progetto One Blue ha l’obiettivo di valutare l’inquinamento chimico nel Mediterraneo. Il progetto SHORE (https://shoreproject.eu) mira a potenziare l’alfabetizzazione degli studenti e degli educatori delle scuole primarie e secondarie sugli oceani e sull’acqua, mettendo i giovani in condizione di diventare agenti del cambiamento ed eco-cittadini.

La Goletta è frutto della maestria italiana

Il profilo storico Goletta Catholica, esempio della maestria dei Maestri d’Ascia italiani, deve il nome alla città d’origine dei suoi armatori. Fu realizzata nel 1936 in legno di quercia, con due alberi in douglass e vele auriche che le conferiscono un aspetto affascinante. Le grandi dimensioni – quasi 24 metri di lunghezza (19,23 metri fuori tutto), 5 metri di larghezza e una velatura di 233 mq. – la rendono imponente e funzionale come barca da lavoro. Divenuta poi peschereccio, durante la seconda Guerra Mondiale viene sequestrata dai Tedeschi che la utilizzano per il trasporto di munizioni sulle coste jugoslave, per poi abbandonarla. Rintracciata e ricondotta in Italia, nel 1990 Catholica va in disarmo e viene portata a Rimini per la demolizione. Qui però viene acquistata e ristrutturata grazie a un progetto sociale. Dal 1993 è stata rilevata da Legambiente e impegnata nel terzo settore: per 25 anni è protagonista delle campagne estive di Goletta Verde.

L’inaugurazione della Goletta Catholica – ha detto Gilberto Muraro, Presidente Fondazione Cariparo – rappresenta “l’ultimo miglio” per avviare i progetti di educazione ambientale e di ricerca scientifica dedicati al mare e alla biodiversità, promossi dalla Fondazione Goletta L.A.B., ente voluto e partecipato dalla nostra Fondazione insieme all’Ente Parco Naturale Regionale Veneto del Delta del Po, l’Università di Padova e Legambiente Nazionale APS onlus e frutto di un accordo sottoscritto con la Regione Veneto e con il Ministero dell’Ambiente. Preservare e difendere l’ambiente è anche per la nostra Fondazione una priorità e questa iniziativa, unica nel suo genere, rappresenta una best practice perché mette a sistema risorse economiche, organizzative, ambientali e stimola e valorizza conoscenze e competenze con lo scopo di rendere l’uomo maggiormente consapevole di come interagire con l’ambiente marino, riconoscendone ricchezze e fragilità”.

Dopo tre anni di restauro eseguito presso i cantieri di Loreto – ha spiegato Moreno Gasparini Presidente Parco Regionale Veneto del Delta del Po – il progetto Goletta L.A.B diventa una realtà che tutti possiamo ammirare con soddisfazione. Con Goletta Catholica, infatti, si concretizza un progetto che solo per il primo anno coinvolgerà oltre quattromila ragazzi delle Scuole del Delta del Po e delle provincie di Rovigo e Padova, senza considerare gli studenti universitari che parteciperanno alle campagne di monitoraggio e studio nell’alto Adriatico. Numeri destinati a crescere già dal prossimo anno scolastico quando la Goletta sarà a disposizione di tutte le Scuole del Veneto. Si comprende, quindi, come questa storica imbarcazione è destinata ad essere un’icona del territorio, del nostro Parco e di tutta la Riserva di Biosfera UNESCO del Delta del Po”.

La Catholica è stata la nostra Goletta Verde per 25 anni – ha detto Stefano Ciafani Presidente Nazionale Legambiente – ed è un pezzo importante di storia associativa. Lo è stata anche per il Paese e il Mar Mediterraneo, visto che nel 2017 abbiamo raccontato le sue gesta in Assemblea generale al Palazzo di Vetro dell’ONU alla prima Conferenza mondiale sugli oceani a New York. Ora, con questo nuovo progetto, inizia una nuova missione dal Delta del Po e daremo il nostro contributo perché venga compiuta nel migliore dei modi“.