domenica, 14 Aprile 2024
HomeVeronaBruno Giordano è il nuovo presidente di Fondazione Cariverona

Bruno Giordano è il nuovo presidente di Fondazione Cariverona

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Bruno Giordano è stato nominato nuovo presidente di Fondazione Cariverona.

Venerdì 15 marzo il Consiglio generale ha nominato Bruno Giordano nuovo presidente di Fondazione Cariverona. L’imprenditore, classe 1962 e originario di Legnago, nonché già consigliere generale da dicembre 2021, è stato nominato su proposta del presidente uscente Alessandro Mazzucco, il cui secondo e ultimo mandato si è formalmente concluso con l’approvazione del bilancio 2023.

Secondo quanto riferito in una nota, il Consiglio generale ha inoltre eletto, su proposta del nuovo presidente, gli altri membri del Consiglio di amministrazione che sarà quindi composto da: Bruno Giordano (presidente), Margherita Forestan (vicepresidente vicario), Giovanni Dolcetta Capuzzo (vicepresidente), i consiglieri Alberto Marenghi, Giovanni Maria Pittoni, Giovanni Pizzolo e Sergio Visciano. L’organo rimarrà ora in carica quattro anni, come previsto dallo statuto.

Le dichiarazioni di Alessandro Mazzucco

“Al termine di questo percorso, voglio ringraziare i consiglieri e i dipendenti della Fondazione con i quali ho condiviso un lavoro intenso e fruttuoso, ha commentato il presidente uscente Mazzucco.

“Sono particolarmente soddisfatto di aver contribuito, in questi otto anni, a innovare il ruolo della Fondazione: ci siamo spinti oltre l’erogazione di risorse economiche per diventare quel motore di sviluppo, orientato ai valori della conoscenza, della trasparenza e del merito, di cui i territori hanno bisogno”.

“La gestione solida, ordinata e attenta, condotta nel segno della diversificazione, ci ha permesso di raggiungere risultati significativi nel percorso di recupero e crescita della dimensione economico-patrimoniale della Fondazione. Sono certo che il nuovo presidente Giordano e tutti i componenti degli organi statutari continueranno a portare avanti con successo questo lavoro”.

Chi è Bruno Giordano

Laureato in Ingegneria elettronica all’Università di Bologna, Bruno Giordano è attualmente presidente e amministratore delegato di Giordano Controls Spa, azienda di elettronica che ha fondato nel 2007, leader in soluzioni all’avanguardia per il settore riscaldamento, condizionamento e trattamento dell’aria.

Esperto di ambiente ed economia circolare, il nuovo presidente della Fondazione si occupa da sempre di efficienza energetica e di riduzione delle emissioni inquinanti attraverso lo sviluppo di nuove soluzioni e invenzioni tecnologiche. È inoltre presidente di IMQ (Istituto italiano del marchio di qualità) e fondatore della rete innovativa regionale Veneto Clima ed Energia.

“Ringrazio il professor Mazzucco e gli organi statutari per l’attività portata avanti in questi anni e per la fiducia”, ha dichiarato Giordano. “Continueremo a lavorare nel segno dell’innovazione per sviluppare risposte originali, concrete ed efficaci alle grandi sfide del nostro tempo, dialogando e collaborando come sempre fatto con tutti gli attori del nostro territorio”.“Gli obiettivi strategici contenuti nei documenti di programmazione pluriennale tracciano una rotta chiara: ci impegneremo per costruire un futuro fondato sulla tutela dell’ambiente, la valorizzazione dei giovani e la promozione di comunità coese e inclusive”.

Il sindaco Damiano Tommasi

“La nomina del nuovo presidente di Fondazione Cariverona, Bruno Giordano, con ampio consenso è senz’altro di buon auspicio per una forte collaborazione con i territori e gli enti designatoriil commento del sindaco Tommasi -. L’azione di Fondazione non può prescindere  infatti, dall’ascolto e dalla condivisione. La nostra volontà è di poter avere Fondazione al fianco nell’affrontare le più delicate esigenze delle nostre comunità, dall’emergenza abitativa alla rigenerazione e valorizzazione degli edifici storici presenti in città”.

“L’esperienza imprenditoriale di innovazione e ricerca del presidente – prosegue il primo cittadino – mi auguro possa dare ancora maggior visione e concretezza nella partecipazione di Fondazione alle attività dei territori. Rimane, purtroppo, ancora lontana un’adeguata rappresentanza di genere che anche e soprattutto in una istituzione tanto importante non può continuare ad essere così fortemente squilibrata.

Approfitto per ringraziare il lavoro e la dedizione del presidente Mazzucco che in tutti questi anni ha guidato la Fondazione con rigore e grande senso istituzionale. 

Auguro buon lavoro ai nuovi vertici e a tutto il rinnovato consiglio generale”.