mercoledì, 24 Aprile 2024
HomePadovanoBassa PadovanaComunità Energetiche, possibile anche a Monselice?

Comunità Energetiche, possibile anche a Monselice?

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Dopo il bando di finanziamento regionale per sostenere la creazione delle Cer, il consigliere Francesco Miazzi si chiede quale sia la posizione della Giunta Bedin in merito

“Le Comunità Energetiche Rinnovabili rappresentano un’importante opportunità per abbattere il costo delle bollette, rendendo possibili forme di solidarietà concreta con cittadini e famiglie in difficoltà economica” ne è convinto Francesco Miazzi di Monselice Ambiente e Società. Dopo che di recente la Giunta regionale del Veneto ha emanato un bando di finanziamento per sostenere la creazione e lo sviluppo delle nuove comunità energetiche, ai piedi della Rocca si è accesa la discussione. “In questi anni abbiamo ripetutamente sollecitato l’amministrazione comunale con interpellanze in consiglio comunale e con incontri pubblici” ha chiosato Miazzi

“L’insensibilità della nostra amministrazione comunale su questo tema,  si è già manifestata con la costruzione del grande parco fotovoltaico da  16 ettari, approvato dalla Regione Veneto e costruito in via Ca’ Bonetti nell’area retrostante Monselice Uno”. La Giunta Bedin, dal canto suo, ha pubblicato la scorsa estate un avviso pubblico con manifestazione di interesse per costituire una Comunità Energetica Rinnovabile nel territorio monselicense a cui, però, avevano risposto solo pochi privati cittadini. “Auspichiamo che il bando diventi uno stimolo per un impegno concreto su questo tema, che da una parte favorisce l’uso delle rinnovabili, dall’altro può mitigare la povertà energetica di molte famiglie” ha concluso il consigliere di Monselice Ambiente e Società. Il bando regionale prevede un’agevolazione a fondo perduto a copertura dell’80% della spesa ammissibile per il progetto, nel limite massimo di 30 mila euro, e le domande potranno essere inoltrate per tutto il mese di febbraio.

“Le Comunità Energetiche Rinnovabili sono, insieme a fotovoltaico e idrogeno, i capisaldi delle linee strategiche del nuovo piano energetico regionale che stiamo predisponendo. Sono tasselli fondamentali della transizione energetica del sistema socio economico regionale che vogliamo attuare con l’obiettivo di produrre energia da fonti rinnovabili” aveva spiegato l’assessore regionale allo sviluppo economico ed energia, Roberto Marcato, nell’ufficializzare lo stanziamento dei fondi. “In attesa di indicazioni a livello nazionale, abbiamo approvato un primo bando da un milione di euro per garantire il sostegno alla creazione di nuove comunità energetiche”.

Martina Toso