martedì, 23 Aprile 2024
HomePoliticaFesta del Popolo Veneto: gli auguri di Zaia

Festa del Popolo Veneto: gli auguri di Zaia

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Festa del Popolo Veneto, gli auguri di Zaia: Veneti popolo di comunità, d’incontro con l’altro e di pace

In vista della Festa del Popolo Veneto, celebrata il 25 marzo, istituita con legge regionale del 2007 per la tutela, valorizzazione e promozione del patrimonio linguistico e culturale veneto, il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, ha emesso un messaggio di riflessione sull’identità e i valori che caratterizzano la terra veneta. In un periodo segnato da tensioni e crisi internazionali, Zaia sottolinea l’importanza di riscoprire le radici culturali e linguistiche comuni, incarnate nella bandiera veneta con il Leone Marciano, simbolo di pace. Questa celebrazione diventa quindi un momento per esprimere l’aspirazione alla concordia e all’apertura al mondo.

Le parole del presidente di regione Luca Zaia

Il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia

“Il 25 marzo è il giorno in cui ripensare alle nostre radici, in cui riconoscere l’identità che ci accomuna nella cultura e nella nostra lingua veneta. In un frangente storico di forti tensioni, conflitti e crisi internazionali, non possiamo non riflettere sulla bandiera secolare delle Genti venete con il Leone Marciano, l’unica nella storia su cui campeggia la parola ‘Pace’. Un messaggio che, insieme alla proverbiale laboriosità e alla visione del futuro che da sempre contraddistingue questa terra, esprime quella che è la vera aspirazione dei Veneti. Da sempre il Veneto è legato da un forte senso di comunità che non esprime chiusura o limitatezza, ma anzi è spinta al dialogo e forza per stringere contatti e rapporti. Lo conferma la formula di saluto più conosciuta nel mondo: ‘Ciao’, che deriva da una parola veneta ed è oggi un pass par tout nelle relazioni interpersonali. La festa di domani è dedicata a questi valori, alla nostra storia: ci dice che siamo aperti a tutto il mondo, nella consapevolezza, però, delle nostre peculiarità. Il Veneto si è conquistato un ruolo come uno dei principali poli produttivi del mondo, capace di affermarsi ovunque ma saldamente ancorato al territorio, producendo progresso e benessere. Buona festa a tutti, siamo un popolo che vuole essere orgoglioso della sua storia e del suo presente. Certi di questa identità guardiano serenamente a un futuro contrassegnato dall’autonomia. Autonomia che, come ripeto sempre, non è e non vuole essere contro o a danno di qualcuno ma è un’occasione per tutte le regioni per vivere, in armonia con il dettato della Carta Costituzionale, le responsabilità da cui deriva il disegno del futuro”

Le più lette