venerdì, 19 Aprile 2024
HomeVicentinoVicenzaFormisano del Pd condanna le "giravolte" di Rucco: "E' saltato sul carro...

Formisano del Pd condanna le “giravolte” di Rucco: “E’ saltato sul carro del vincitore, vedremo se sarà ricompensato con un posto in Regione”

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Il segretario del Pd ritiene incoerente l’iscrizione di Rucco a Fratelli d’Italia

Il segretario cittadino del Pd, Federico Formisano

Il segretario del Pd vicentino, Federico Formisano, critica aspramente Francesco Rucco che è passato a Fratelli d’Italia assieme a quattro consiglieri di Idea Vicenza. Lo accusa di essere slatato sul carro del vincitore dimenticando le scelte civiche, ed è sicuro che gli elettori si ricorderanno di queste sue giravolte.

“Ve la ricordate – dice Formisano in un nota – quella polemica del sindaco uscente di Vicenza, Francesco Rucco, che accusava Possamai di essere poco civico e molto politico richiamando il suo ruolo di capogruppo del Pd in Regione? Vi ricordate quando il sindaco uscente Rucco esaltava invece il suo essere civico e lo sottolineava con ferma convinzione?Vi ricordate che solo il 29 ottobre scorso l’ex sindaco ribadiva questo concetto delineando il profilo del futuro candidato sindaco del centrodestra come una persona che dovesse essere civica e di esperienza?”
“Vi ricordate che durante gli anni Rucco ha più volte cercato di darsi la patente del civismo volendo dare lezioni un po’ a tutti, magari sorvolando sul suo passato di appartente ai partiti della destra? Adesso colui il quale sbandierava con troppa enfasi il suo essere civico è il primo che per opportunità si lancia sul carro dei partiti al governo del Paese. E smonta in colpo solo una lista costruita sul suo nome, composta da esponenti della società civile, convinti che la scelta giusta fosse quella di non aderire ad una formazione politica e che alle ultime elezioni proprio per questa sua caratterizzazione lontana dai partiti ha raccolto comunque un buon consenso. Gli varrà questo ritorno all’ovile una candidatura ad un posto buono in Regione o in Parlamento? Lo scopriremo tra non molto quando gli elettori saranno chiamati a seguirlo e si ricorderanno di queste continue giravolte!”