martedì, 23 Aprile 2024
HomeBreaking NewsDevastante incendio in un'azienda di Saonara, Zaia: "In corso monitoraggio ambientale di...

Devastante incendio in un’azienda di Saonara, Zaia: “In corso monitoraggio ambientale di Arpav”

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Prende fuoco Max Stand, allestitore fieristico di Villatora di Saonara: vigili del fuoco al lavoro per spegnere l’incendio

Un grande incendio si è sviluppato questa mattina nella zona industriale di Villatora di Saonara, in un capannone di circa 1200 mq. (continua sotto al video)

Il fuoco ha invaso Max Stand, azienda che si occupa di allestimenti fieristici. Pronto ‘intervento dei vigili del fuoco, che in questo momento stanno intervenendo per domare l’incendio. Fortunatamente nessuno è rimasto ferito.

Nel territorio, a fini preventivi, almeno per la giornata di oggi, il consiglio è di limitare l’apertura di porte e finestre e gli spostamenti all’esterno. Il presidente del Veneto Luca Zaia fa sapere che sono state attivate anche le squadre specializzate di ARPAV per i monitoraggi ambientali. (continua sotto la media gallery)

 

L’incendio è scoppiato poco dopo le 10 di questa mattina nell’azienda che si occupa di stand fieristici, nel corso di una riparazione al tetto. “La guaina ha preso fuoco ed è scoppiato l’incendio che ha invaso tutta l’area operativa dell’azienda, quindi tutto materiale di carta, cartone e legno all’interno dell’azienda – spiega il sindaco di Saonara, Michela Lazzari -. La zona è delimitata: logicamente stanno ancora svolgendo le attività di spegnimento del fuoco. Ci vorrà probabilmente ancora qualche ora e stanno tenendo strettamente sotto controllo l’area, anche perché a fianco a questo capannone c’è un deposito di pneumatici, quindi biologicamente l’area è molto critica”.

Come si vede dalle immagini e dal video, un’alta colonna di fumo nero si è stagliata nel cielo, visibile a molti chilometri di distanza. I vigili del fuoco arrivati da Padova, Piove di Sacco, Mira, Treviso, Rovigo, Vicenza e Verona con tre autopompe, sei autobotti tra cui tre cisterne chilolitriche, due autoscale, il carro NBCR (nucleare biologico chimico radiologico) e oltre 35 operatori stanno intervenendo per circoscrivere le fiamme. Una parte del tetto del capannone è già crollata. (continua sotto la media gallery)

Il presidente del Veneto, Luca Zaia, ha fatto sapere che sono state attivate anche le squadre specializzate di ARPAV per i monitoraggi ambientali.

“Abbiamo già attraverso i social, attraverso i nostri siti, attraverso la protezione civile, avvisato ai cittadini di tenere chiuse le finestre – continua il sindaco Lazzari –. L’Arpav adesso ci darà indicazioni sulle i tempi di chiusura, su quel su quelli che sono saranno i provvedimenti necessari da prendere, ma intanto, in via precauzionale chiediamo a tutti i cittadini di chiudere le finestre nelle zone limitrofe. I vari operatori e lavoratori dipendenti delle fabbriche vicine sono stati chiamati a rimanere dentro le proprie aziende, fino alla pausa pranzo”.