venerdì, 19 Aprile 2024
HomeRodiginoProvincialeIPA “Sistema Polesine”, avviato in AS2 tavolo di concertazione territoriale

IPA “Sistema Polesine”, avviato in AS2 tavolo di concertazione territoriale

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Programmazione e sviluppo condiviso del territorio in Polesine: un incontro con i Comuni e non solo

Il tavolo di concertazione dell’IPA (Intesa Programmatica d’Area) “Sistema Polesine” vede finalmente la luce: mercoledì 20 marzo presso la sede, AS2, soggetto responsabile dell’IPA, ha sancito l’avvio di un cammino comune teso alla programmazione e a uno sviluppo condiviso del territorio.

Tante le presenze all’incontro, a partire dai Comuni: Adria, Crespino, Fiesso Umbertiano, Occhiobello, Rosolina, San Martino di Venezze, Stienta, Taglio di Po e Trecenta; in sala anche il Parco del Delta del Po, i sindacati (CGIL, CISL, UIL), la Camera di Commercio, Confindustria, CNA, Confagricoltura, e ancora Confesercenti, Confcooperative, Federconsumatori, AGCI Veneto e Gal Adige. Sul palco dei relatori, oltre alla Presidente di AS2 Caterina Furfari, che ha dato avvio ai lavori, e al Presidente della Provincia di Rovigo Enrico Ferrarese, anche tre docenti del Dipartimento di Architettura dell’Università di Ferrara, i professori Alessandro Massarente, Francesco Alberti e Laura Gabrielli, che sviluppano un’attività di consulenza e supporto per il team interno di As2.

“L’IPA – così la Furfari nel suo intervento di apertura – è uno strumento di programmazione decentrata che offre la possibilità a enti pubblici locali e parti economico-sociali di partecipare alla programmazione regionale, tramite la definizione di accordi e la formulazione di proposte finalizzate allo sviluppo socio-economico dell’area di riferimento. AS2 si è posta come obiettivo la revisione del Documento Programmatico d’Area, approvato nel 2004, quale strumento di governance per le politiche di sviluppo in Polesine, coinvolgendo stakeholder pubblici e privati sollecitati a definire le linee di sviluppo e gli obiettivi di pianificazione strategica del territorio attraverso il metodo della pianificazione concertata”.

In questi mesi l’azienda, in stretta collaborazione con l’ateneo estense, che fornisce un prezioso contributo di ricerca scientifica, ha lavorato alla definizione di temi di valenza strategica da discutere e sviluppare con istituzioni, enti e soggetti portatori di interesse in Polesine, individuando alcuni focus tematici tra i quali: Scuola e istruzione; Inclusione e coesione sociale; Cultura e turismo sostenibile; Transizione ecologica; Economia, lavoro e aree interne; Infrastrutture per la mobilità sostenibile.

La convocazione del tavolo è solo il primo step di un percorso che proseguirà nelle prossime settimane con l’acquisizione e analisi dei dati resi disponibili dai soggetti coinvolti e la costituzione di gruppi di lavoro e tavoli di approfondimento tematico.