domenica, 14 Aprile 2024
HomeVenezianoVeneto orientaleJesolo, un albero di acero per ricordare le vittime di mafia

Jesolo, un albero di acero per ricordare le vittime di mafia

Tempo di lettura: 2 minuti circa

La cerimonia in occasione della Giornata della memoria in ricordo delle vittime. Martedì un incontro pubblico e due rappresentazioni teatrali

Jesolo ricorda il sacrificio delle vittime di mafia, coinvolgendo le scolaresche. Previsto un importante programma di eventi, in occasione della Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Le iniziative si sono aperte stamane, con una cerimonia che ha coinvolto gli alunni delle scuole cittadine.

La cerimonia si è svolta nel piazzale antistante il municipio. All’incontro erano presenti, insieme alle autorità, anche i rappresentanti del Consiglio comunale dei ragazzi con la sindaca Stella Zoccarato, gli studenti dell’istituto comprensivo Calvino, dell’istituto comprensivo D’Annunzio e dell’Ipseoa Cornaro, che hanno letto un proprio intervento in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Presenti anche i bambini della scuola dell’infanzia Santa Rita, i quali hanno presentato un loro elaborato sul tema. Al termine degli interventi si è tenuta la cerimonia di piantumazione di un albero di acero nell’area verde antistante il municipio in ricordo di tutte le vittime innocenti delle mafie. Tra le autorità presenti, il sindaco Christofer De Zotti e il consigliere regionale Lucas Pavanetto.

Ma il programma di eventi è ricco e proseguirà martedì prossimo, 26 marzo. Al mattino il collettivo Archipelagos Teatro, con il supporto dell’associazione Libera, porterà sul palco del teatro Vivaldi lo spettacolo “Aspide. Gomorra in Veneto” per gli studenti delle scuole. Di sera, alle 20, lo spettacolo sarà replicato per la cittadinanza. Ad anticipare la rappresentazione serale sarà un incontro pubblico, patrocinato dal Comune di Jesolo e dalla Camera di Commercio Venezia Rovigo, e sostenuto dalle associazioni Libera e Servizio Pubblico, con il professor Antonio Parbonetti del’Università di Padova sul tema del rischio infiltrazioni delle mafie nell’economia del Veneto.