sabato, 13 Aprile 2024
HomeBreaking NewsMamme arcobaleno, il tribunale di Padova conferma l'iscrizione in Anagrafe

Mamme arcobaleno, il tribunale di Padova conferma l’iscrizione in Anagrafe

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Il Tribunale di Padova rigetta le richieste della Procura e conferma la validità delle iscrizioni del nominativo della madre non biologica nell’atto di nascita

Nella giornata di oggi sono arrivate le prime ordinanze del Tribunale del Tribunale di Padova sui procedimenti riguardanti l’indicazione di due genitori di sesso femminile nell’atto di nascita del minore.

Il tribunale

Il Tribunale ha dichiarato inammissibili i ricorsi del Pubblico Ministero che chiedeva la cancellazione del nominativo della madre non biologica dall’atto di nascita , ritenendo non applicabile la procedura utilizzata dall’allora Pubblico Ministero per contestare l’iscrizione della seconda mamma ( articolo 95 DPR 396/2000). Secondo il Tribunale per contestare l’iscrizione dell’ufficiale di stato civile occorre fare ricorso alle diverse e ben più articolate azioni di status (azioni con rito ordinario) .

Il Tribunale ha altresì affermato la piena legittimazione del Sindaco del Comune di Padova, quale ufficiale di governo, a partecipare a detti giudizi , in concorrenza con il Ministero dell’Interno, e la facoltà del Comune di avvalersi dell’Avvocatura Civica per la rappresentanza in giudizio .

Un passo avanti importante per le bambine e i bambini e per le loro mamme, oggi vince l’amore e l’interesse primario delle piccole e dei piccoli. Ho sempre ritenuto di agire secondo coscienza e secondo i principi della Costituzione. – sottolinea il sindaco di Padova Sergio Giordani  – Sono padre e nonno oltre che Sindaco e per me era impossibile immaginare che ci fossero bambini di serie A e bambini di serie B. Nessuno scontro con la Procura, che ringrazio.

Ora spero che il Parlamento prenda atto con urgenza che esiste un grave vuoto normativo e legiferi per tutelare queste famiglie. Un abbraccio a tutte le mamme per questo significativo pronunciamento, ho conosciuto le loro storie da vicino e ribadisco che il tema è solo di amore, buon senso e diritti per questi minori che diversamente sarebbero esposti a inaccettabili discriminazioni. Infine, un grande grazie alla nostra avvocatura civica del Comune di Padova, per il professionale lavoro e a tutti i dirigenti competenti

La soddisfazione

Sono davvero felice di questa sentenza, in particolare dove si dice che “la stabilità del rapporto garantisce tutela ad un interesse fondamentale e prevalente del figlio, ravvisabile nella necessità di mantenere la propria identità personale che si è costruita sia in quanto figlio di quei genitori che se ne sono presi cura morale e materiale (anche se non legati da vincoli biologici) sia nel riconoscimento da parte della collettività come soggetto inserito in quella specifica famiglia”. –  commenta l’assessora Francesca Benciolini  – Si tratta di un passaggio importante che riconosce la fondatezza degli atti compilati dai nostri uffici e controfirmati dal Sindaco in questi anni. Un atto importante nella direzione della tutela e dei diritti dei nostri più piccoli concittadini e concittadine”