martedì, 23 Aprile 2024
HomeVenezianoRiviera del BrentaMorte di Andrea Baratto in Psichiatria a Dolo. Montanariello e Zottis (Pd):...

Morte di Andrea Baratto in Psichiatria a Dolo. Montanariello e Zottis (Pd): “Doveroso far luce e tenere accesi i riflettori sulla salute mentale in Veneto”

Tempo di lettura: < 1 minuti circa

Secondo gli esponenti Dem anche la Regione nel campo della salute mentale deve avere un cambio di passo

Sulla morte di Andrea Baratto, il 53enne ingegnere di Salzano morto nel reparto di Psichiatria dell’ospedale di Dolo il gruppo del Partito Democratico in Regione Veneto lancia un appello affinché si faccia chiarezza. L’uomo era stato ricoverato per problemi di natura dissociativa e curato con farmaci.

“Quello di Andrea Baratto è l’ultimo di una serie di casi che impongono una riflessione seria e che richiedono un intervento istituzionale, fatto di investimenti, sulla salute mentale in Veneto” dichirano i consiglieri regionali del Pd Veneto, Jonatan Montanariello
e Francesca Zottis assieme all’assessore al sociale del Comune di Dolo, Chiara Iuliano.
Nel rivolgere il cordoglio alla famiglia di Andrea Baratto, gli esponenti dem sottolineano che “è fondamentale fare chiarezza su quanto accaduto. Se questa tragedia non può essere oggetto di strumentalizzazione politica, inevitabilmente impone però alla politica un dibattito serio. Da tempo l’ambito della salute mentale soffre di profonde carenze in termini di personale e di investimenti. La Regione, sollecitata ripetutamente ad assumere misure di rafforzamento di questo ambito delicato, è chiamata a dare un cambio di passo”.