sabato, 13 Aprile 2024
HomeVeronaOcchio al prezzo: il Comune di Verona comunica la variazione dei prezzi...

Occhio al prezzo: il Comune di Verona comunica la variazione dei prezzi di febbraio. Per la prima volta presenti anche quelli del carburante

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Da questo mese il Comune di Verona comunica, oltre alle maggiori variazioni di prezzo dei prodotti alimentari, anche quelle di altre classi di prodotto e l’andamento del prezzo dei carburanti.

Il Comune di Verona, primo in Italia a ideare e promuovere periodicamente l’iniziativa “Occhio al prezzo”, da domani 16 marzo torna ad aggiornare cittadine e cittadini sulle variazioni dei costi dei prodotti sui totem sparsi in città, sui social media e sul sito istituzionale, con un numero maggiore di tipologie di prodotto. Tra questi anche i prezzi dei carburanti, oltre ad altri articoli che hanno registrato sia un aumento che una diminuzione significativa dei prezzi.

Chi sale

I prodotti alimentari con maggior aumento di prezzo rispetto a gennaio sono: olio di oliva (+ 4,9%), frutta fresca o refrigerata (+ 2,2%), birre a basso contenuto di alcol e non alcoliche (+ 2,0%), confetteria – vini liquorosi (+ 1,9%), patate (+ 1,8%), pollame (+ 1,3%), zucchero (+ 1,1%), carni diverse da bovina, suina e pollame – uova, vegetali secchi, altri vegetali trasformati o conservati (+ 1,0), frutti di mare freschi o refrigerati (+ 0,9 %), burro (+ 0,8%).

Chi scende

I prodotti alimentari con maggior diminuzione di prezzo rispetto a gennaio sono: vegetali freschi o refrigerati diversi dalle patate (- 4,6%), riso (-2,4%), alimenti per bambini – pesci freschi o refrigerati (-1,9 %), cioccolato (-1,6%), pasta secca, pasta fresca e preparati di pasta (-1,5 %), oli alimentari diversi da olio d’oliva (-1,3 %), pesci e frutti di mare secchi, affumicati o salati (- 1,2%), latte intero (-1,1 %), pesci surgelati (-1,0 %), preparati a base di carne diversi da salumi (-0,9 %).

Variazioni percentuali per sottoclassi di prodotto ISTAT – febbraio 2024 su gennaio 2024 – Top 10

Musei, parchi e giardini (+ 27,2 %), affitto garage, posti auto e noleggio mezzi di trasporto (+13,1 %), voli nazionali (+8,7 %), supporti con registrazioni di suoni, immagini e video (+8,2 %), servizi ricreativi e sportivi – fruizione come spettatore (+7,0 %), apparecchi per la ricezione, registrazione e riproduzione di suoni (+6,2 %), gasolio per riscaldamento (+5,5 %), olio di oliva (+4,9 %), altri tabacchi (+4,6 %), gasolio per mezzi di trasporto (+4,5 %).

Gas di città e gas naturale (-11,0 %), energia elettrica (-5,3 %), vegetali freschi o refrigerati diversi dalle patate (-4,6 %), apparecchi per la telefonia fissa e telefax, accessori per apparecchi per il trattamento dell’informazione (-3,6 %), narrativa (- 3,1 %), riso e trasporto ferroviario passeggeri (-2,4 %), trasporto marittimo (-2,1 %), apparecchi per la telefonia mobile (-2,0 %), pesci freschi o refrigerati, alimenti per bambini, macchine fotografiche e videocamere (-1,9 %), cioccolato e altri combustibili solidi (-1,6 %).

Prezzi dei carburanti febbraio 2024

Gasolio per auto senza servizio alla pompa: prezzo minimo 1,698 – prezzo massimo 1,951 – prezzo medio 1,809.

Benzina verde senza servizio alla pompa: prezzo minimo 1,748 – prezzo massimo 1,983 – prezzo medio 1,837.

Scarica l’analisi qui.

 Alessia Soriolo