venerdì, 19 Aprile 2024
HomeBreaking NewsPadova, eccellenze gastronomiche, Crash durante il click-day: esercenti imbufaliti

Padova, eccellenze gastronomiche, Crash durante il click-day: esercenti imbufaliti

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Da questa mattina decine di migliaia di imprese in tutta Italia sono in attesa di scaricare il modulo per presentare la domanda.

Da due anni le imprese aspettavano l’apertura del bando a sostegno delle eccellenze gastronomiche, promosso dal Ministero dell’agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste e gestito da Invitalia, del valore di 76 milioni di euro e quando finalmente è arrivato il giorno fatidico per presentare le domande la piattaforma è andata in tilt.

Da questa mattina decine di migliaia di imprese in tutta Italia sono in attesa di scaricare il modulo per presentare la domanda.

Stimiamo – dichiara Federica Luni, Presidente APPE Padova – che nella sola provincia di Padova, siano coinvolte nel malfunzionamento della procedura almeno 1.000 o addirittura 1.500 imprese, tra ristoranti, pizzerie, trattorie, pasticcerie e gelaterie. I nostri centralini – rincara la dose – sono stati presi d’assalto da associati imbufaliti dopo interminabili attese davanti alla schermata “waiting room” del portale Invitalia”.

Investimenti

L’ampia partecipazione da parte delle imprese della ristorazione e della pasticceria dimostra che c’è un grande bisogno di investire per rinnovare attrezzature, arredamenti e beni strumentali di vario genere ma anche che le risorse sono assolutamente insufficienti per rispondere a questa esigenza. “Il meccanismo del click day – conclude la Presidente – si sta dimostrando inefficace e penalizzante per migliaia di imprese: il blocco della piattaforma impone che ci sia una sospensione dei termini e si riparta solo dopo aver risolto i problemi tecnici”.

Il Fondo

Il “Fondo per il sostegno delle eccellenze della gastronomia e dell’agroalimentare italiano” è l’incentivo rivolto alle imprese dei settori ristorazione, pasticceria e gelateria, con l’obiettivo di valorizzare il patrimonio agroalimentare ed enogastronomico italiano.
Il Fondo, istituito ai sensi dell’art. 1, comma 868, della L. 234/2021, è gestito da Invitalia ed è promosso dal Ministero dell’agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste.
La dotazione complessiva è di 76 milioni di euro, al lordo degli oneri per la gestione della misura. Il Fondo prevede due agevolazioni:
– “Giovani diplomati”, per finanziare i contratti di apprendistato tra le imprese e i giovani diplomati nei servizi dell’enogastronomia e dell’ospitalità alberghiera, con una dotazione di 20 milioni di euro;
– “Macchinari e beni strumentali”, per finanziare l’acquisto di macchinari professionali e di altri beni strumentali durevoli, con una dotazione di 56 milioni di euro

Le agevolazioni

Ciascuna impresa può ottenere un contributo a fondo perduto non superiore a 30.000 euro fino a coprire massimo il 70% delle spese totali ammissibili riferite:
– alla remunerazione lorda per l’inserimento, con contratto di apprendistato, di uno o più giovani diplomati nei servizi dell’enogastronomia e dell’ospitalità alberghiera (fondo “giovani diplomati”);
– all’acquisto di macchinari professionali e di beni strumentali all’attività dell’impresa (fondo “macchinari”).