giovedì, 18 Aprile 2024
HomeVenetoSanità, al via il nuovo day hospital oncoematologico pediatrico

Sanità, al via il nuovo day hospital oncoematologico pediatrico

Tempo di lettura: 3 minuti circa

Il progetto day hospital sarà realizzato grazie ai fondi raccolti da OTB Foundation e consentirà di fornire assistenza vicino a casa ai pazienti pediatrici oncoematologici per controlli e procedure mediche

Dall’idea al progetto, dal progetto al cantiere: hanno preso il via oggi, al 5° piano dell’ospedale San Bassiano, i lavori per la realizzazione del futuro day hospital oncoematologico pediatrico.

Come noto l’intervento, finanziato da OTB Foundation, mira a offrire ai piccoli pazienti bassanesi seguiti presso i centri hub di Oncoematologia Pediatrica di Padova e di Verona un punto di riferimento vicino a casa per tutta una serie di controlli, procedure assistenziali e terapie che tipicamente vengono erogate in regime di Day Hospital, riducendo così la necessità di continui spostamenti fuori provincia.

Il progetto prevede la realizzazione, all’interno del reparto di Pediatria, di un’area di degenza dedicata, composta da due stanze (entrambe con bagno) per un totale di 3 posti letto, oltre ad una zona adibita alla vestizione e svestizione dei familiari, una cucina e un’area gioco, per un’area complessiva di 110 metri quadri.

A questo scopo, il piano di intervento vedrà innanzitutto lo smontaggio delle pareti in vetro e acciaio a tutta altezza presenti fino a ieri all’interno degli ambienti; si procederà poi con la realizzazione delle nuove partizioni in cartongesso, un nuovo controsoffitto e la manutenzione degli infissi. Anche gli impianti saranno completamente nuovi. Continua a leggere

Una particolare attenzione sarà posta anche all’estetica degli ambienti, al fine di renderli il più possibile accoglienti: la pavimentazione sarà in PVC con finitura ad imitazione di parquet in rovere chiaro, mentre alle pareti sono previsti inserti in carta da parati. Il tutto con un arredo a misura di famiglia, per ridurre l’impatto emotivo della permanenza in ospedale.

«La qualità di vita dei piccoli pazienti affetti da queste patologie – spiega il dott. Davide Meneghesso, Direttore della Pediatria del San Bassiano – dipende anche dal grado di ospedalizzazione, dai viaggi frequenti in ospedale, dalla struttura che li accoglie e dall’assistenza fornita. I Centri Hub resteranno riferimento unico per la diagnosi e il trattamento iniziale della patologia, tuttavia l’obiettivo è quello di far crescere un’area di elevata qualità strutturale e assistenziale nel centro Spoke di Bassano a completo supporto delle famiglie e delle Oncoematologie hub. Queste ultime potranno concentrare le risorse nella gestione di casi a maggiore complessità, delegando la gestione dei casi meno complessi ma che necessitano di una presa in carico urgente al centro Spoke di Bassano».

«Oggi inizia la realizzazione di un progetto al quale abbiamo lavorato con grande impegno nell’ultimo anno – sottolinea il Direttore Generale dell’ULSS 7 Pedemontana Carlo Bramezza – e per il quale abbiamo trovato in OTB Foundation un partner di grande sensibilità, oltre che abile a coordinare al meglio la raccolta fondi. Ringrazio dunque OTB Foundation e quanti hanno contributo a questo importante progetto, che siamo ansiosi di vedere realizzato al più presto».

«Siamo felici di dare il via ufficiale oggi ai lavori, data decisa con lo staff medico, dopo i picchi di ricoveri invernali, per non gravare sulle quotidiane attività del reparto pediatrico,» – spiega Arianna Alessi, vicepresidente di OTB Foundation. «La nostra raccolta fondi è iniziata lo scorso ottobre, siamo orgogliosi dei risultati ottenuti ma ancor più della partecipazione riscontrata dalla comunità locale che si è unita alla nostra Fondazione per sostenere una causa così importante legata al mondo dell’infanzia. Non vediamo l’ora di inaugurare al più presto questi nuovi spazi dedicati ai piccoli pazienti, pensati anche per le famiglie costrette ad affrontare ogni giorno momenti difficili.» 

I lavori dureranno circa tre mesi, dopodiché il nuovo servizio sarà pronto ad accogliere i primi pazienti.

 

Le più lette