mercoledì, 17 Aprile 2024
HomeVicentinoBassanoSostenibilità: incentivi antinquinamento per i cittadini di Bassano che puntano sul “green”

Sostenibilità: incentivi antinquinamento per i cittadini di Bassano che puntano sul “green”

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Il Comune di Bassano conferma un nuovo stanziamento di 30 mila euro che si aggiunge a quelli statali

Con l’obiettivo di ridurre le emissioni inquinanti e, contestualmente, di favorire un ambiente salubre il Comune di Bassano ripropone anche per il 2024 gli incentivi antismog destinati ai cittadini  che puntano sul “green”.

Ha quindi confermato un nuovo stanziamento del valore di 30 mila euro da suddividere, a titolo di contributo,  tra i bassanesi che sostengono le spese per sostituire le caldaie obsolete con quelle di ultima generazione,  o per la messa a dimora di piante o arbusti nello spazio verde privato, oppure per costruire vasche di accumulo delle acque piovane da utilizzare per irrigare  il giardino, evitando quindi di sprecare il bene primario idrico.

Sono contributi comunali che si aggiungono a quelli statali finalizzati sempre a migliorare la qualità dell’aria. “Al bando, già attivo,  possono partecipare privati residenti nel territorio comunale che effettuano interventi nella singola abitazione o nell’appartamento condominiale, nel corso di quest’anno fino al prossimo 31 ottobre data in cui scadrà il bando – ha spiegato Andrea Viero, assessore all’Ambiente – Verrà poi stilata una graduatoria fino ad esaurimento della somma prevista”.

In pochissimi anni dal suo avvio il progetto ha ottenuto lusinghieri risultati che hanno spinto l’amministrazione comunale a rinnovarlo e ad aumentare il ventaglio delle possibilità. “Il finanziamento ha finora erogato un sostegno economico a 125 famiglie bassanesi,  la maggior parte delle quali  l’ha utilizzato per sostituire la vecchia caldaia – ha sottolineato l’assessore –  permettendo di contare su un impianto più efficiente e sicuro e allo stesso  tempo meno inquinante per l’ambiente”.

Sono differenti i valori destinati a ciascuno dei tre interventi. La somma a disposizione per l’installazione di nuove caldaie è di 15 mila euro: al richiedente che risulta idoneo  viene erogato un contributo fino ad un massimo di 700 euro. “Al finanziamento si aggiunge la certezza di avere un impianto in regola con le normative ambientali”, ha aggiunto Viero.

E’ di 5 mila euro l’incentivo da suddividere fra i cittadini che presenteranno la domanda per effettuare lavori di valorizzazione del patrimonio arboreo, quindi piantumazione di alberi o siepi  “anti smog”; in questo caso, il singolo incentivo economico arriva al massimo a 800 euro e potrà riguardare anche la cura delle piante, purché non risulti nociva per le api e gli altri insetti impollinatori.

Lo stanziamento complessivo per la realizzazione di vasche di accumulo delle acque meteoriche  destinate all’irrigazione di giardini (sono escluse le aree ricadenti in zone agricole) è di 10 mila euro che sarà erogato  in tagli ciascuno per un valore massimo di 2 mila euro.  Il regolamento prevede che la vasca sia interrata e posta alla distanza minima  di due metri dai confini, dotata di un sistema di filtratura per l’acqua in entrata, oltre ad essere collegata alla rete di scarico interno alla proprietà o ad un pozzetto. L’impianto idrico non potrà invece essere collegato alla normale rete di distribuzione e l’approvvigionamento dovrà avvenire solo dalle piogge.

R.F.