mercoledì, 17 Aprile 2024
HomeSportVenezia, presentata la stagione Remiera 2024

Venezia, presentata la stagione Remiera 2024

Tempo di lettura: 3 minuti circa

Ecco il calendario delle gare con novità importanti dedicate ai giovanissimi

Un lungo percorso pronto a partire nelle prossime settimane, tra eliminatorie e gare disputate a colpi di remo e arrivi al fotofinish, che si concluderà a settembre con la Regata di Burano. È stata presentata questa mattina in conferenza stampa a Ca’ Farsetti la stagione remiera 2024, che porta con sé importanti novità come l’introduzione della categoria “Giovanissime”, una prima assoluta nella programmazione veneziana, dedicata alle ragazze nate tra il 2005 e il 2010, e la possibilità per le schie e le maciarele di gareggiare durante l’anno, come già accade nel caso dei colleghi più adulti.
A fare gli onori di casa è stato il consigliere delegato alla Tutela delle tradizioni, Giovanni Giusto, che è così intervenuto: ” Quest’anno proponiamo delle novità molto importanti, per coinvolgere maggiormente i giovani, le nuove promesse della voga alla veneziana: le schie e le maciarele entrano infatti sotto l’ala protettrice dell’Amministrazione comunale, e a loro abbiamo dedicato sei appuntamenti distribuiti nell’arco della stagione, e nella compatibilità degli impegni scolastici dei ragazzi. Un’altra significativa novità è la nuova categoria delle “Giovanissime”, che anziché saltare direttamente dalle maciarele alla categoria più complessa delle campionesse, possono ora avere un periodo di transizione, che andrà dai 14 ai 18 anni, in modo da poter rimanere legate alla voga agonistica veneziana. Anche per loro abbiamo sei appuntamenti durante la Stagione Remiera”. Le “giovanili” del remo nelle remiere della città sono in crescita: per la stagione passata gli iscritti dai 6 ai 14 anni erano circa 90, numero importante e destinato ad aumentare tanto da far introdurre nel calendario delle gare ufficiali della stagione Remiera novità importanti quali l’introduzione della categoria “Giovanissime”, in gara in competizioni che fino all’anno scorso erano riservate solo ai colleghi maschi, e la possibilità per le schie (per i nati dal 2014 al 2018) e le maciarele (per i nati nel 2010-2011 e 2012-2013) di gareggiare durante l’anno. Appuntamento principale del calendario annuale di gare di Voga alla Veneta, disciplina unica al mondo praticata da millenni nella laguna di Venezia, le regate competitive sono riservate a diverse imbarcazioni e differenti fasce d’età, con il momento clou previsto per la Regata Storica. Sarà una stagione con molte conferme, a cominciare dai tradizionali 11 appuntamenti in programma, ma anche con qualche novità: si partirà il 5 maggio, con la Regata di Mestre, e si finirà il 10 settembre, con quella di Burano. Gli eventi sono tutti importanti, sia dal punto di vista sportivo che tradizionale, dalla Sensa (12 maggio), a Sant’Erasmo (2 giugno), da San Giovanni e Paolo (30 giugno) a Malamocco (14 luglio), dal Redentore (21 luglio) a Pellestrina (4 agosto) e novità di quest’anno PORTOSECCO (11 agosto) riservata al comparto giovanile, ma quelle di maggior prestigio restano la Regata di Murano (7 luglio), che incorona il regatante più forte, e la Regata Storica (1 settembre) che invece designa la coppia migliore, ed è l’unica che viene corsa sui gondolini, la “Formula Uno” delle imbarcazioni della voga alla veneta.
E’ stata annunciata la “Regata delle 50 caorline per la Pace a Venezia”, in programma  il prossimo 7 aprile. “Torna la regata delle 50 caorline, imbarcazioni a 6 remi, la più numerosa di tutta la stagione remiera, con almeno 300 partecipanti previsti, dove, oltre ai primi quattro equipaggi, sarà “bandierato”, ovvero premiato con una bandiera, anche chi arriva ultimo – spiega Giusto – Un evento all’insegna della partecipazione, più che dell’agonismo, perché non c’è alcun limite ne’ di sesso, né di età nella composizione degli equipaggi, aperta agli agonisti, amatori e appassionati, senza distinzione. Chiunque sarà protagonista, proprio nel rispetto del principio di De Coubertin che “l’importante è partecipare” mai così significativo come per questa edizione, dove partecipare significherà vogare per la Pace. Sarà un grande momento di aggregazione”.