domenica, 21 Aprile 2024
HomeVeronaVia Crucis nell'Arena di Verona: «un percorso di meditazioni laiche e dal...

Via Crucis nell’Arena di Verona: «un percorso di meditazioni laiche e dal valore universale»

Tempo di lettura: 3 minuti circa

L’evento nell’Arena di Verona offrirà un percorso di meditazioni laiche e dal valore universale delle quattordici stazioni della Via Crucis, con momenti di musica e scenografie artistiche.

Torna venerdì 29 marzo la Via Crucis in Arena di Verona con il vescovo Domenico Pompili. La rappresentazione il cui titolo ufficiale è Giustizia e Pace. Via Crucis in Arena, coorganizzata da Chiesa di Verona, Comune di Verona e Fondazione Arena, sarà un’anticipazione dei temi che animeranno la visita alla città scaligera di papa Francesco del prossimo 18 maggio, che ha come orizzonte la visione futura del salmista “Giustizia e Pace si baceranno”.

Inserito nell’itinerario quaresimale che per i cristiani conduce alla Pasqua, l’evento offre un percorso di meditazioni laiche e dal valore universale delle quattordici stazioni della Via Crucis, dalla condanna a morte, alla croce e alla sepoltura di Gesù.

Cosa potrebbero dire Giustizia e Pace seguendo il Nazareno lungo il cammino verso il luogo della crocifissione? Le drammatizzazioni composte dal biblista don Martino Signoretto e interpretate da Michela Ottolini e Alessandro Albertin, daranno vita, di stazione in stazione, all’inatteso dialogo tra due speciali spettatori al seguito dell’uomo della Croce, Pace “l’idealista” e Giustizia “che fa i conti”, in un crescente coinvolgimento emotivo che svela i pensieri più intimi, le delusioni e le speranze profonde.

Il racconto sarà intervallato da frasi musicali e intermezzi eseguiti della Cappella musicale della Cattedrale di Verona diretta dal maestro Giovanni Geraci, accompagnati dall’organista Letizia Butterin. Il tutto racchiuso all’interno di una scenografia artistica ideata da Stefano Trespidi, vice direttore artistico di Fondazione Arena, che evoca il dramma degli uomini e delle donne che portano il peso della croce.

La conclusione dell’evento sarà poi affidata alle parole del vescovo Domenico Pompili, che offrirà ai presenti alcuni spunti per la riflessione personale.

I cinquemila spettatori che riempiranno le gradinate dell’anfiteatro saranno coinvolti nel dramma in atto e ciascuno potrà sentirsi rappresentato da chi darà voce alla lettura dei brani, tra cui ragazzi e giovani, uomini e donne, professionisti e persone che vivono sulla loro pelle la sofferenza.

Ingressi e orari

La rappresentazione inizierà alle 20.45. L’accesso all’Arena avverrà dagli ingressi 6 e 11 lato piazza Bra e 63 e 68 lato San Nicolò. L’apertura dei cancelli è prevista per le 19.15. Le persone con disabilità motoria, assieme a un accompagnatore, potranno accedere direttamente dal cancello 37. L’evento si svolgerà anche in caso di pioggia. Radiotelepace ne curerà la diretta per la radio, i social e la televisione; quest’ultima produzione sarà concessa anche a TeleArena e alle Tv cattoliche locali del Circuito Corallo.

Come spiegato dal vescovo Domenico, «Questa via Crucis sarà una sorta di prologo della visita di papa Francesco del prossimo 18 maggio all’insegna del binomio Giustizia e Pace, che sarà il tema anche di quella giornata. La Via Crucis proverà proprio a mettere in relazione queste due dimensioni seguendo Gesù che porta la croce e credo che possa essere per tutti, credenti e non credenti, l’occasione per prendere consapevolezza del tragico momento che stiamo attraversando. C’è, infatti, una preoccupante escalation non solo nei fatti internazionali, ma soprattutto nelle parole di molti uomini e donne. Questo evento, allora, sarà aperto a chi vuole riflettere anche da una prospettiva laica sul valore universale delle 14 stazioni della Via Crucis, provando a far emergere parole in dissonanza rispetto al mainstream, ossia che se vogliamo la pace dobbiamo preparare innanzi tutto la giustizia».

La raccolta fondi

Assieme a uno spazio di meditazione su Pace e Giustizia la serata vuole essere un’occasione concreta di solidarietà. Per questo saranno raccolte offerte per la “Colletta pro locis sanctis” del Venerdì Santo a sostegno della Chiesa di Terra Santa.