mercoledì, 22 Maggio 2024
HomeVenezianoRiviera del BrentaAl via un piano di interventi per la sicurezza idraulica di Dolo

Al via un piano di interventi per la sicurezza idraulica di Dolo

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Avviata anche la riqualificazione idraulica e ambientale della rete scolante del Comunetto

Le copiose piogge delle scorse settimane hanno indotto l’amministrazione comunale ad accelerare l’attuazione del piano d’interventi per garantire la sicurezza idraulica dell’intero territorio comunale come spiega il sindaco Gianluigi Naletto.

“Con i Consorzi di Bonifica e il Genio Civile – dice Naletto – l’obiettivo è di trovare le migliori soluzioni tecniche per intervenire sulla gestione delle acque pubbliche al fine di gestire gli attuali effetti climatici. Miglioramento della gestione delle acque e tutela ambientale devono coesistere con azioni compatibili e diversificate, rispondenti alle criticità del territorio. Ciò può avvenire in ascolto delle associazioni agricole e ambientali, in sinergia con la nostra Regione, i Consorzi di bonifica e, in alcuni casi, anche di Veritas”.

Sul piano pratico, il Comune di Dolo sta collaborando per l’aumento dei bacini di accumulo dell’acqua, raccogliendola quando in eccesso in caso di piogge intense e ridistribuendola nei momenti di siccità, in particolare lungo il sedime demaniale idrovoro Padova-Venezia, attraverso una estensione di area umida di circa 900 metri di lunghezza.

Inoltre ha avviato la riqualificazione idraulica e ambientale della rete scolante del Comunetto, dietro il distretto scolastico delle scuole superiori, fondamentale per il deflusso delle acque meteoriche del capoluogo. Infine, sta lavorando ad una specifica convenzione con il Consorzio Acque Risorgive, per la manutenzione straordinaria e la gestione ordinaria dell’impianto idrovoro di via Luigi Nono sul canale Serraglio, in grado di efficientare ancor più l’attuale sollevamento di circa tremila litri d’acqua al secondo, liberando velocemente l’acqua piovana dal centro del paese. Primi interventi di emergenza sono già stati effettuati per sistemare alcune criticità. (l.p.)