mercoledì, 22 Maggio 2024
HomeVenezianoVeneziaAmerican Airlines punta su Venezia, nuovi collegamenti per Philadelphia e Chicago

American Airlines punta su Venezia, nuovi collegamenti per Philadelphia e Chicago

Tempo di lettura: 2 minuti circa

La compagnia aerea americana ha annunciato la ripresa dei collegamenti giornalieri su Philadelphia, da giugno anche Chicago

Venezia e Stati Uniti sempre più vicini grazie ai nuovi collegamenti American Airlines da e per lo scalo lagunare. La compagnia aerea americana e il Gruppo SAVE hanno infatti annunciato la ripresa in questi giorni dei collegamenti giornalieri tra l’Aeroporto Marco Polo di Venezia e il Philadelphia International Airport.

Ma non è tutto perché dal 6 giugno sempre American Airlines ha confermato il programma di voli diretti da Venezia a Chicago dopo 4 anni di sospensione, offrendo così un collegamento capillare tra il Veneto e gli Stati Uniti d’America operando fino a due voli al giorno nel corso della stagione estiva 2024.

“Siamo orgogliosi di poter offrire ai nostri passeggeri più opzioni e flessibilità nei loro viaggi estivi, grazie ai voli stagionali tra Venezia e il nostro hub di Philadelphia ai quali andranno presto ad aggiungersi anche i collegamenti con Chicago”, ha commentato José Freig, Vice President International Operations di American Airlines. “La ripresa dei collegamenti giornalieri con Venezia testimonia l’impegno di American Airlines nel rafforzare i legami tra il Nord-Est dell’Italia e gli Stati Uniti, offrendo maggiori opportunità di viaggio per turismo e affari”.

“La ripartenza stagionale del volo su Philadelphia e il ritorno a giugno del collegamento con Chicago confermano la vivacità che contraddistingue il mercato nordamericano” – ha dichiarato Camillo Bozzolo, Direttore Sviluppo Aviation del Gruppo SAVE.
“I voli diretti da Venezia su questi due hub primari di American Airlines hanno una valenza fondamentale per il nostro bacino d’utenza, in quanto garantiscono una capillarità di prosecuzioni verso destinazioni nell’intero Continente americano”.

Riccardo Musacco