sabato, 18 Maggio 2024
HomeSaluteLa salute a RovigoAndos Rovigo, premiato in Provincia per il sostegno alle donne operatore...

Andos Rovigo, premiato in Provincia per il sostegno alle donne operatore al seno

Tempo di lettura: 3 minuti circa

Un riconoscimento agli imprenditori locali che ridonano bellezza alle donne operate al seno a Palazzo Celio sede della Provincia di Rovigo

Mercoledì 17 aprile, in sala consiliare a Palazzo Celio, cerimonia di consegna di 14 attestati di sostenitore ad altrettante realtà che aiutano concretamente l’operato di ANDOS (Associazione nazionale donne operato al seno) Rovigo: si tratta di Biocalos Srl, Sotec Srls, Le Genny Srl, Commerciale Porta Po Srl, Ciscra Spa, Profine Italia Srl, Wavin Italia Spa, Hymach Srl, Stiro e logistica FTM Srl, Btrade Srl, Polesana Azienda Rifiuti Speciali Srl, Silvia Mode Srl, Galiazzo Gabriele e C. Srl, New Stamp Srl.

Un nuovo percorso di estetica oncologica

Il percorso che vede queste aziende coinvolte parte da lontano: nel 2018 ANDOS Rovigo lancia infatti un percorso di estetica oncologica volto al recupero della bellezza in donne reduci da tumore al seno che poi a fine luglio scorso viene esteso con il progetto “Salute in comune – QUALITÀ DI VITA”. Grazie alla partnership di Stargate Adria, la collaborazione di Gilda Negrini, estetista dermopigmentatrice e volontaria ANDOS, e il contributo della Casa di Cura di S. Maria Maddalena che mette a disposizione i locali, prende così il via un percorso di ricostruzione non chirurgica del complesso areola-capezzolo in donne reduci da mastectomia totale: nel dettaglio si tratta di un intervento che viene fatto con dermopigmentazione in 3D, tecnica sicura adottata nel processo ricostruttivo osservando un protocollo clinico concordato con il medico curante e che consente a pazienti sottoposte a terapie o che hanno subito interventi mutilanti, di ottenere un recupero estetico dell’areola mammaria.

Una gara di solidarietà vinta

“Inizialmente il progetto prevedeva solamente l’intervento di areola o capezzolo – spiega la presidente di ANDOS Rovigo Anna Maria Cavallari Monesi – ma l’attenzione al Polesine e la risposta positiva di tante aziende hanno permesso di inserire anche la ricostruzione dell’arcata sopraccigliare per le donne in chemioterapia: spesso infatti le cure provocano la perdita di capelli e peluria in generale, e quindi anche delle sopracciglia, fondamentali nel volto perché ne caratterizzano l’espressione”.

In questa vera e propria gara di solidarietà, l’apporto del tessuto imprenditoriale locale è stato a dir poco determinante: ad oggi le aziende che finanziano il progetto sono ben 41, distribuite tra Alto, Medio e Bassopolesine, con 27 già premiate e 14 che hanno ricevuto in quest’occasione l’attestato di sostenitori, facendo sì che la prestazione fornita da ANDOS sia totalmente gratuita al pari di tutte le altre.

In sala, con il presidente della Provincia Enrico Ferrarese e la presidente ANDOS Cavallari Monesi, anche il neo direttore dell’Azienda Sanitaria ULSS 5 Polesana Pietro Girardi.

Il Presidente della Provincia  Enrico Ferrarese ha ribadito “la nostra piena collaborazione alle iniziative di ANDOS c’è sempre perché questa è un’Associazione che sa convogliare e unire il lavoro del volontariato con le Istituzioni e il territorio. Attraverso l’assistenza alle donne che incontrano il tumore al seno promuovono il tema della prevenzione, con tantissime iniziative che attraversano il nostro Polesine. E questo progetto che si occupa di restituire la bellezza non è altro che il frutto dell’attenzione che questa associazione ha verso i bisogni delle donne. La Provincia è felice di ospitarvi oggi e sempre. E sono personalmente grato alle Aziende che sostengono questo progetto perché esprimono il vero senso dell’impegno e della responsabilità sociale che caratterizza la nostra realtà.

Un lavoro encomiabile

Il direttore direttore generale dell’Usl 5, Pietro Girardi ha sottolineato: “I tre grandi temi che interessano la nostra società oggi sono sicuramente la malattia oncologica, la disabilità e le persone anziane che saranno sempre più numerose. E queste sfide hanno altri tre grandi temi che sono il sociale, anzi il socio-sanitario, la scuola e la sicurezza e io penso che serva, e ce lo ha anche insegnato il problema del covid, una grande collaborazione tra le Istituzioni, nel mio caso l’ULSS, ma anche i Comuni le Associazioni e tutto quel grande mondo che è il Terzo Settore. Andando sul vostro tema ANDOS sta facendo un lavoro encomiabile nel sostenere le persone ammalate e sta facendo veramente tanto nel tenere alto il lavoro delle Istituzioni e quello che è welfare. Il fatto che oggi siate così numerosi vuol dire che questo problema è sentito da tante persone. E se l’anno prossimo ripeterete il progetto l’ASL ci sarà concretamente, questa è una mia promessa. Le risorse sono limitate, e ci sarebbe bisogno di maggiore attenzione dal nazionale,ma è facendo squadra che si possono realizzare tanti progetti a favore delle persone che hanno bisogno.”  Il dottor Girardi ha poi concluso anticipando la prossima nomina del primario dell’oncologia, servizio che ne è attualmente sprovvisto.

A conclusione la Presidente della Commissione Pari Opportunità di Lendinara Luigina Bertelli e la segretaria dell’Associazione hanno consegnato gli “attestati di sostenitore” alle Aziende coinvolte.