mercoledì, 22 Maggio 2024
HomePadovanoPadovaAnime Verdi al via il festival dei giardini aperti

Anime Verdi al via il festival dei giardini aperti

Tempo di lettura: 4 minuti circa

Anime Verdi torna ad aprire i portoni dei giardini della città. Sono 47 i giardini che regaleranno l’opportunità di esplorare itinerari inediti tra le vie del centro.

Il 4 e il 5 maggio 2024, “Anime Verdi”, il Festival dei Giardini Aperti di Padova si appresta a celebrare la sua settima edizione, confermandosi come un appuntamento imprescindibile nell’agenda culturale della città di Padova.

L’edizione 2024 Nel primo weekend di maggio, Anime Verdi torna ad aprire i portoni dei giardini della città. Sono 47 quest’anno – con 6 novità e 4 graditi ritorni – i giardini che regaleranno ai padovani e ai turisti, grandi e piccoli, l’opportunità di esplorare itinerari inediti tra le vie del centro.

Il Festival, che la scorsa primavera ha saputo coinvolgere 4.000 visitatori, anche quest’anno consentirà agli amanti del verde e del paesaggio, di avventurarsi tra i giardini, scoprendo i gusti e le cure di ciascun proprietario, ammirare la bellezza di alberi ultracentenari e rare varietà di piante, e immergersi nei secoli e negli stili dei diversi angoli verdi di Padova.

“Fortemente voluto dall’Amministrazione, Anime Verdi è un progetto di valorizzazione e riscoperta della vocazione comunitaria – dichiara l’assessore al Verde – e non solo ambientale e culturale della nostra città. Sono particolarmente felice, inoltre, che tra gli spazi verdi di questa nuova edizione vi siano i Giardini della Rotonda, uno dei luoghi più suggestivi di Padova, recentemente restituito ai cittadini dopo un importante lavoro di riqualificazione”

Gli appuntamenti speciali

Durante il Festival, i visitatori avranno l’opportunità di partecipare a una vasta gamma di eventi collaterali, che arricchiranno ulteriormente l’esperienza della visita ai giardini: visite guidate, laboratori artistici, performance musicali e attività interattive. Tra questi: le visite guidate al Parco Treves saranno accompagnate da laboratori di acquerello botanico, mentre il Dipartimento di Scienze storiche, geografiche e dell’antichità ospiterà letture e performance musicali.

Nel Roseto di Santa Giustina si scopriranno le varietà più significative e la storia della rosa e al Centro Universitario Padovano si terranno dei laboratori di stampa su carta e collage. Sono previsti, inoltre, laboratori di scrittura e poesia per bambini diffusi tra i giardini, fitness nel verde nel giardino Alicorno ed esibizioni musicali al Liceo Tito Livio. Come ogni anno, infine, è prevista l’attività di navigazione sul Piovego.

Il Festival si chiuderà domenica 5 maggio alle 19:15 in Piazza delle Erbe con l’ensemble strumentale “La Création du Monde” dell’Orchestra Nova Symphonia Patavina.

Il programma dettagliato della manifestazione e le modalità di iscrizione ai laboratori sono disponibili sul sito del Festival www.animeverdi.it e all’interno della mappa che sarà consegnata a ciascun partecipante.

Tra le convenzioni si ricordano gli ingressi a costo ridotto per i soci dell’Associazione Alumni dell’Università degli Studi di Padova e per i visitatori della mostra “Monet. Capolavori dal Musée Marmottan Monet di Parigi” su presentazione del biglietto d’ingresso con data a partire dal 1° maggio.

Il progetto “Fortemente voluto dall’Amministrazione, Anime Verdi è un progetto di valorizzazione e riscoperta della vocazione comunitaria e non solo ambientale e culturale della nostra città. Sono particolarmente felice, inoltre, che tra gli spazi verdi di questa nuova edizione vi siano i Giardini della Rotonda, uno dei luoghi più suggestivi di Padova, recentemente restituito ai cittadini dopo un importante lavoro di riqualificazione”, dichiara l’assessore al Verde.

Il Consigliere delegato alle Politiche Giovanili sottolinea e ringrazia i giovani volontari per l’impegno e la massiccia adesione: “Anime Verdi si riconferma ogni anno un momento di grande partecipazione giovanile, grazie all’impegno di oltre cento volontarie e volontari che per due giorni diventano i custodi dei giardini più belli del centro storico. La risposta entusiasta dei giovani e la loro disponibilità a dedicare tempo ed energie per la città contribuisce significativamente alla buona riuscita del Festival. Ringrazio tutte e tutti loro per questo bel segnale di cittadinanza attiva, che ci ricorda una volta di più quanto le nuove generazioni siano una risorsa per la nostra comunità“.

Il curatore

“Alla base del Festival – prosegue il curatore De Stefani – vi è infatti l’imprescindibile generosità dei proprietari dei giardini e l’instancabile operato di oltre 100 giovani volontari, vero cuore pulsante dell’evento insieme agli studenti degli istituti scolastici locali, custodi dei rispettivi giardini. Questo prezioso scambio intergenerazionale tra proprietari, visitatori e giovani è il valore aggiunto di un Festival che fa della partecipazione la lente attraverso cui ri-scoprire la città e ri-conoscerla nelle reti sociali e culturali anche nuove che qui si possono generare“.

Informazioni

Nelle due giornate, i giardini saranno aperti dalle 9:30 alle 13:00 e dalle 14:45 alle 19:00, anche in caso di maltempo. Per accedervi sarà come sempre necessario munirsi del braccialetto acquistabile all’InfoPoint di Piazza delle Erbe 52, oppure online su www.animeverdi.it con un piccolo costo di commissione.

L’InfoPoint sarà aperto dal 23 aprile al 2 maggio dalle 10:00 alle 14:00 e dalle 17:00 alle 19:00 (festivi compresi), venerdì 3 e sabato 4 maggio dalle 8:30 alle 19:00 e domenica 5 maggio dalle 8:30 alle 17:00.

Anime Verdi è un’iniziativa di Ufficio Progetto Giovani – Gabinetto del Sindaco del Comune di Padova, Il Raggio Verde e Xena con il patrocinio dell’Università degli Studi di Padova, CSV di Padova e Rovigo, Associazione Italiana Architettura del Paesaggio, Associazione Parchi e Giardini d’Italia, in collaborazione con Alumni UniPD, Gruppo Giardino Storico Università di Padova, Società Amici del Giardinaggio Padova, Dipartimento di Psicologia Generale Università di Padova, Dipartimento di Scienze Storiche Geografiche e dell’Antichità Università di Padova, Scuola di Formazione Superiore “Francesco d’Assisi”, Comitato Mura di Padova, Nova Symphonia Patavina, C.O.S.E. IN COMUNA, Artemartours, Bettin Pianoforti, Arthemisia e in media partnership con Il Mattino di Padova e Veneto Segreto.