mercoledì, 22 Maggio 2024
HomeVenezianoChioggiaCalcio: Union Clodiense Sottomarina in serie C, una città in festa

Calcio: Union Clodiense Sottomarina in serie C, una città in festa

Tempo di lettura: 3 minuti circa

I tre punti decisivi raccolti a Feltre, la scorsa domenica. Il presidente Ivano Boscolo Bielo ricorda come il risultato elevi l’intera città di Chioggia e non solo la squadra di calcio

E’ arrivata ed è stato come il finale di un bel film. La promozione in serie C dell’Union Clodiense Sottomarina è storia; con una data (14 aprile 2024) che speriamo non verrà dimenticata facilmente.

I tre punti decisivi vengono raccolti a Feltre, con un 2-1 proprio sul campo del Dolomiti Bellunesi (unica compagine del girone C serie D che ancora poteva insidiare la vittoria dei granata). Grandi festeggiamenti in città, con la squadra accolta da centinaia di tifosi all’ Aldo e Dino Ballarin.

Emozionato il presidente Ivano Boscolo Bielo, che ricorda come il risultato in realtà elevi l’intera città di Chioggia più che  solo una squadra di calcio. Un obiettivo posto e inseguito con il lavoro, merito della società, dello staff, del mister e chiaramente dei tifosi. Questi ultimi due è indubbio siano stati gli ingredienti “chiave” del successo.

Il mister, Antonio Andreucci, si è dimostrato tecnico saggio, equilibrato, concentrato sul lavoro e capace di isolare la squadra dalle pressioni di una piazza “calda” come Chioggia. La cultura del lavoro e della serietà prima o poi ripagano sempre. Molti meriti vanno a lui.

C’è poi il fattore tifo. E qui il discorso sarebbe molto più complicato, perché bisognerebbe analizzare nel complesso cosa significa avere dei supporter come quelli granata; capaci di fare sentire la vicinanza alla squadra in modo significativo ma non sempre capito: a volte esagerato, altre volte sopra le righe.

Lo sa bene lo stesso Ivano Boscolo Bielo, che nei primi anni della sua esperienza ha dovuto “cucire” un rapporto a tratti difficile. E’ vero però che in serie D e per molte squadre di serie C una tifoseria di questo tipo non esiste; e forse il vero “peccato” è il troppo amore per i colori della squadra della propria città.

Lo hanno capito i giocatori; lo sanno da sempre tutti i cittadini clodiensi. Basta far riferimento ai festeggiamenti di oggi allo stadio dopo il match casalingo con la Luparense (prima partita all’Aldo e Dino Ballarin dopo la promozione, con vittoria per  1 a 0) per capire quanto sia importante l’Union per la città di Chioggia.

Sorrisi, cori a non finire, tour su pullman scoperto e tanto entusiasmo per un traguardo che si attendeva da troppo tempo.

Una festa per rendere onore alla squadra e al suo presidente anche con la presenza del primo cittadino Mauro Armelao, al campo sportivo, con tanto di fascia tricolore, a fianco proprio di Ivano Boscolo Bielo

Ora c’è da pensare subito ai lavori di ristrutturazione dello stadio, che andrà adeguato per rispondere ai requisiti richiesti dalla nuova categoria (tra gli altri verrà rifatta la copertura della tribuna est, aumenta la capienza settore ospiti, oltre che lavori su spogliatoi).

Allo studio anche la possibilità di un nuovo parcheggio presso l’attuale area deposito pullman.

L’Union Clodiense Sottomarina è in serie C dopo 47 anni. Speriamo sia solo l’inizio di una nuova epopea calcistica locale e che sia vero, come dice una celebre canzone di non troppi anni fa, che…”il meglio deve ancora venire”.

Luca Rapacciuolo