domenica, 14 Aprile 2024
HomePadovanoPadova NordCasa del Lavoratore, il Comune di Cadoneghe chiede le spese legali alla...

Casa del Lavoratore, il Comune di Cadoneghe chiede le spese legali alla Fondazione

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Il Comune di Cadoneghe ha fatto richiesta alla Fondazione Nuova Società, proprietaria dell’immobile di via Gramsci, del rimborso delle spese legali sostenute in giudizio

Casa del Lavoratore, il Comune di Cadoneghe chiede le spese legali alla Fondazione Nuova Società. Dopo aver vinto in appello con la sentenza della Corte di Giustizia Tributaria che ha confermato il mancato pagamento di 6.710 euro di Imu per la Casa del Lavoratore, sede del PD di Cadoneghe e delle associazioni Area 48, Alberto Cassol e Sos Lavoro ciazioni, il Comune di Cadoneghe ha fatto richiesta alla Fondazione Nuova Società, proprietaria dell’immobile di via Gramsci, del rimborso delle spese legali sostenute in giudizio. Si tratta di complessivi 2.200 euro. 
Dopo la sentenza di appello che aveva dato ragione al Comune, si chiude così il cerchio per l’annosa vicenda dell’imposta dovuta per la Casa del Lavoratore.

“Ho dato disposizione agli uffici per il pagamento delle spese legali che il Comune ha dovuto sostenere in appello, dopo che la Fondazione Nuova Società ha presentato ricorso contro la sentenza, già a noi favorevole, di primo grado – afferma il sindaco Marco Schiesaro -, in cui si stabiliva che si dovesse versare l’Imu per gli anni dal 2014 al 2019 per un totale di 6.710 euro. I mancati pagamenti si riferiscono agli anni tra il 2014 e il 2019, quando l’amministrazione comunale del Partito Democratico ha omesso di richiedere queste somme al proprio ‘padrone di casa’ cioè alla Fondazione. Quando, appena insediati, abbiamo giustamente preteso il pagamento, il Pd ha avuto il coraggio di venire a manifestare sotto il Municipio, sostenendo che fosse tutto in regola e dando al sottoscritto del bugiardo. Oggi due sentenze di giustizia dimostrano, una volta per tutte, che i bugiardi erano, invece, loro”.

Nell’aprile 2021 la Commissione Tributaria Provinciale di Padova aveva stabilito che l’Imu era dovuta e andava pagata. Contro tale decisione la Fondazione, proprietaria dell’immobile denominato Casa del Lavoratore e dove hanno sede il Partito Democratico e le associazioni “Area 48”, “Alberto Cassol” e “Sos Lavoro”, aveva fatto ricorso alla Corte che l’ha respinto.

Pur ricorrendo in appello, la Fondazione ha comunque iniziato a pagare le tasse richieste. “Il giudice si è pronunciato a sfavore della fondazione ed è ovvio che chi perde debba pagare le spese legali” hanno sottolineato le minoranze di Cadoneghe 2024 – Il sindaco farebbe meglio a non commentare, perché il contenzioso è insorto in un momento in cui la norma non era chiara e lasciava al giudice ampio spazio interpretativo. Oggi il governo Meloni ha approvato una norma che dà ragione alle tesi della Fondazione”.